December 19, 2013 / 12:32 PM / in 4 years

Greggio, Brent debole ma resta sopra 109 dollari a barile

LONDRA (Reuters) - Il Brent è in calo ma si mantiene sopra i 109 dollari al barile in un mercato che mette in secondo piano la decisione della Federal Reserve di ridurre lo stimolo monetario e torna a concentrarsi sul calo dello scorte di petrolio.

Le quotazioni del greggio sono scese stamani sulla scia del rally del dollaro spinto dall’annuncio della banca centrale statunitense di ridurre l’acquisto mensile di bond ma l’effetto si è esaurito.

“L’annuncio del tapering ieri ha attirato molta attenzione, ma è anche finito per essere un non-event per il petrolio”, dice Michael Poulsen, oil risk manager a Global Risck Management.

Alcuni analisti sottolineano invece l’impatto dei dati dei di ieri sulle scorte settimanli di greggio in calo di 2,9 Milioni di barili, oltre le aspettative.

Intorno alle 12,15 il Brent perde 11 centesimi a 109,52 dollari, dopo avere chiuso in rialzo di 1,19 dollari. Il greggio Usa cede lo 16 centesimi a 97,64 dollari.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below