November 28, 2013 / 8:29 AM / 5 years ago

Borsa Milano positiva con banche, scambi sottili per chiusura Usa

MILANO (Reuters) - In una seduta borsistica complessivamente tranquilla per la festività del Thanksgiving, che tiene chiusi i mercati statunitensi, Piazza Affari sfrutta la spinta dei bancari archiviando la giornata un passo avanti rispetto alle controparti europee.

Trader a lavoro in una sala operativa. REUTERS/Kai Pfaffenbach

I titoli delle banche affollano le prime posizioni del paniere principale, spinti da ricoperture e in parte favoriti dalla rivalutazione del capitale di Bankitalia, che consentirà ai principali istituti italiani di rafforzare il patrimonio. La notizia - sottolineano operatori e analisti - era comunque ampiamente attesa.

“E’ un mercato in cui si fa poco, oggi in particolare anche per la chiusura dell’America. Ripercussioni dalle vicende politiche non ce ne sono, lo spread non ha fatto strappi”, commenta un trader facendo riferimento alla decadenza da parlamentare di Silvio Berlusconi, votata ieri sera dal Senato.

L’indice FTSEMib chiude in rialzo dello 0,92%, l’Allshare dello 0,82%. Volumi nel finale per circa 1,5 miliardi di euro, assottigliati dalla giornata festiva negli Usa.

Il benchmark paneuropeo FTSEurofirst 300 sale dello 0,4% circa e anche sulle singole piazze di Parigi e Francoforte i progressi sono contenuti nell’ordine dello 0,2-0,4%.

* Tra i bancari brillano INTESA SANPAOLO e UBI con progressi superiori al 2%. Bene anche UNICREDIT in rialzo dell’1,7%. Icbpi nella nota giornaliera ricorda come la rivalutazione delle quote Bankitalia “apporterà benefici sulla posizione di capitale di Intesa e, in misura minore, Unicredito, che ne detengono i 2/3 del capitale”. Non sembra invece al momento avere un impatto sui corsi del settore l’aumento al 36% dell’aliquota Ires per le società finanziarie previsto nel decreto approvato ieri dal governo. “L’aggravio di imposte sul 2013, per quanto ‘una tantum’ giunge a sorpresa ed è destinato a pesare significativamente sugli utili del quarto trimestre e quindi sui dividendi”, sottolinea Icbpi.

* Nel comparto resta al palo MPS, che già ieri si era stabilizzato dopo i forti ribassi di inizio settimana sulle attese per la decisione sull’aumento di capitale. Lo Stoxx dei bancari in Europa guadagna lo 0,9% mentre l’indice settoriale italiano balza dell’1,7%.

* Dopo la pausa della vigilia SALVATORE FERRAGAMO riprende a salire, anche se con meno slancio, all’interno di un settore che guarda alla valorizzazione dell’Ipo di Moncler.

* GENERALI in progresso dello 0,65%, dopo aver migliorato ieri i target sui costi e confermato una politica di dividendi crescente.

* In buon rialzo FIAT, che accelera nel finale chiudendo a +1,7% ma con scambi molto sottili.

* In fondo al FTSE Mib CAMPARI cede l’1,7% con volumi quasi il doppio della media.

* Tra i media, che nelle scorse settimane hanno registrato un ritorno di interesse da parte degli investitori, MONDADORI sale del 3,5% e RCS di oltre il 4%.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione EEMS segna un rialzo superiore al 9% dopo l’annuncio della ristrutturazione del debito.

* Sugli scudi anche MOLESKINE che secondo un operatore era tra i titoli con maggiore scoperto.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below