26 novembre 2013 / 08:34 / 4 anni fa

Borsa Milano chiude piatta, nuovo scivolone Mps, sale Saras

Trader a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude poco mossa una giornata senza grandi spunti. I trader parlano di seduta “alquanto noiosa”, dominata dalle vendite sulle banche trainate al ribasso dall‘annuncio dell‘aumento di capitale di Mps.

A pesare sui listini anche l‘andamento piatto di Wall Street a due giorni dalla festività del Ringraziamento negli Usa.

L‘indice FTSE Mib chiude piatto (-0,05%), così come l‘Allshare. L‘indice europeo FTSEurofirst 300 cede lo 0,52%. I volumi sull‘azionario milanese sono pari a 1,9 miliardi di euro nel finale.

* MPS, al centro di forti vendite, lascia sul terreno un altro 5,93% a 0,1840 euro con forti scambi nel giorno in cui il Cda ha approvato l‘aumento di capitale fino a 3 miliardi che serve a ripagare parte del prestito e degli interessi sugli aiuti di Stato.

Gli operatori legano la nuova ondata di vendite del titolo con l‘annuncio odierno.

* Lettera anche su POP MILANO (-2,6%) all‘indomani della scadenza per presentazione delle liste per il rinnovo del Cds e senza che al momento siano state date indicazioni sui programmi per la nomina del Cdg e in particolare sulla scelta dell‘AD. [ID:nL5N0JB2BQ].

Tra gli istituti più piccoli CARIGE perde il 2,7% dopo che, secondo il Messaggero, la Consob minaccia di impugnare il bilancio 2012 e la semestrale al 30 giugno 2013 dell‘istituto ligure.

Positiva BANCO POPOLARE, in crescita del 2,03%, così come la controllata CREBERG (+2,01%). A borsa appena chiusa è stato comunicato un riassetto del gruppo con la fusione delle controllate Creberg e Italease. [ID:nL5N0JB3TI].

* Nel FTSE Mib LUXOTTICA perde lo 0,83% dopo che Berenberg ha tagliato il giudizio a “hold” da “buy” tenendo conto, nelle valutazioni del titolo, anche di un contesto economico peggiorato e una fase di mercato più debole in Usa. Nel settore del lusso strappa anche oggi GEOX in crescita dell‘8,12%.

* Tra gli spunti positivi BUZZI sale dell‘1,5% e AZIMUT dell‘1,98%.

* Nel settore dell‘energia, bene ENEL (+0,97%), mentre è debole ENI (-0,90%) il giorno dopo che Fitch ha rivisto l‘outlook a negativo da stabile. Vendite anche su TELECOM e su FIAT.

* Spunti su SARAS che balza del 3,6% sulla scia delle dichiarazioni del numero uno di Rosneft che si dice pronto a salire nel capitale della società di raffinazione dei Moratti rispetto al 21% detenuto a oggi.

* Tra i titoli più piccoli AS ROMA scivola di oltre il 7% dopo il terzo pareggio consecutivo in campionato e la perdita del primato in classifica.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below