November 26, 2013 / 7:49 AM / 5 years ago

Borse Europa tirano il fiato su timori prospettive utili

LONDRA (Reuters) - Le borse europee non hanno la forza di estendere i guadagni ai massimi di più anni dopo che le indicazioni prospettiche di Remy Cointreau e Hugo Boss hanno reso più fosco lo scenario futuro degli utili societari.

Trader a lavoro in una sala operativa. REUTERS/Brendan McDermid

Gli investitori si aspettavano una ripresa degli utili quest'anno di pari passo con il miglioramento della congiuntura europea e mondiale; ma, finora, questo non si è verificato e la differenza fra le revisioni al rialzo degli utili e quelle al ribasso resta negativo. [link.reuters.com/puj54v]

“Le azioni europee iniziano ad essere un pochino tirate se si considera che le attese sugli utili non sono completamente mutate... Vediamo i multipli prezzo/utili in salita ma le attese per gli utili sono attualmente piatte e questo non è in genere un segnale molto salutare”, ha detto Peter Garnry, strategist di Saxo Bank.

“Penso che le cose cambieranno entrando nel nuovo anno e tutti inizeranno a rivedere al rialzo i propri obiettivi per l’economia della zona euro”.

Intorno alle 10,45 l’indice paneuropeo FTSEurofirst 300 cede lo 0,35%, sotto i massimi di cinque anni di 1.316,42 segnati questo mese. Francoforte, ieri su nuovi massimi storici, è piatta. Parigi perde lo 0,35%, Londra lo 0,4%.

I titoli in evidenza:

* Remy Cointreau sotto pressione dopo che il gruppo di alcolici francese ha avvertito che l’utile operativo dell’esercizio subirà una flessione a doppia cifra a causa del rallentamento dell’economia cinese.

* L’effetto contagio su altri concorrenti come Pernod Ricard e Diageo deprime il paniere europeo dell’alimentare, il peggiore oggi con un ribasso dell’1%.

* La domanda in affanno dalla Cina ha messo un freno anche all’andamento del business di Hugo Boss, in ribasso di oltre il 3% dopo aver rinviato l’obiettivo di utile del 2015.

* In controtendenza corre Repsol: il gruppo petrolifero spagnolo ha annunciato di aver raggiunto un accordo preliminare con Buenos Aires per la liquidazione della propria partecipazione del 51% nella principale società energetica argentina YPF, nazionalizzata nel 2012.

* Bayer ha offerto 2,4 miliardi di dollari per la norvegese Algeta, sua partner per una nuova cura del tumore alla prostata, una cifra pari ad un premio del 27% sulle quotazioni di chiusura di Algeta di ieri. Il titolo del gruppo norvegese s’impenna del 31% circa mentre il gruppo farmaceutico tedesco è timidamente positivo.

* In evidenza anche la biotech danese Genmab che ha rivisto al rialzo le stime per l’esercizio dopo aver ricevuto un pagamento di 8 milioni di dollari dal partner Janssen Biotech per il raggiungimento di un obiettivo concordato. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below