November 4, 2013 / 8:20 AM / in 4 years

Borsa Milano chiude positiva in attesa Bce, brilla Indesit

MILANO (Reuters) - Piazza Affari inizia la settimana su una nota positiva, in sintonia con le altre borse europee dove prevalgono le attese di stimoli monetari da parte della Bce.

Operatori di borsa durante una seduta. REUTERS/Brendan McDermid

La riunione di politica monetaria è in calendario per giovedì e in molti sui mercati si aspettano un tono accomodante da parte dell’istituto centrale.

“Gli investitori si aspettano una posizione accomodante e di conseguenza le borse salgono”, commenta un operatore.

A livello locale, uno spunto di interesse nella seduta odierna è stato offerto da Indesit, con il mercato che guarda alle possibili mosse del principale azionista.

L’indice FTSE Mib chiude in rialzo dello 0,76% e l’Allshare dello 0,73%. Volumi nel finale per circa 1,75 miliardi di euro.

Il benchmark europeo FTSEurofirst300 guadagna lo 0,3%.

* Bene FIAT, in progresso del 2,7% in attesa dei dati sulle immatricolazioni italiane a ottobre. Le cifre già uscite oggi per alcuni altri paesi - Francia, Spagna e Germania - hanno mostrato un cauto rimbalzo delle vendite spinto dalla ripresa economica della zona euro. Sulla scia del Lingotto anche EXOR termina con un rialzo del 3,5% circa.

* Denaro su SAIPEM che balza di oltre il 5%, in costante risalita dopo i risultati del terzo trimestre “che non hanno deluso gli investitori”, sottolinea un broker che evidenzia un cambio di mood da parte degli investitori verso il titolo. “Forse ci si è accorti che è un po’ sottovalutato dopo due allarmi profitti in meno di sei mesi quest’anno”, aggiunge.

* Miste le banche, complessivamente poco mosse a livello europeo (-0,17% il sottoindice di settore). POP MILANO, fanalino di coda con un calo del 2,9%, risente dello stallo attorno alla vicenda della nomina del nuovo AD e delle ripercussioni che potranno esserci sugli importanti appuntamenti in agenda, quali il piano industriale, il cambio di governance e l’aumento di capitale da 500 milioni. [ID:nL5N0IP26Q]

* PIRELLI, partita forte, archivia la giornata in ribasso del 2,3% dopo le anticipazioni di stampa sui numeri del piano industriale, che saranno annunciati il 6 novembre e che comunque non sembrano aver particolarmente sorpreso il mercato. [ID:nL5N0IP1PA]

* Bene AZIMUT che avanza del 2,5%. L’AD Pietro Giuliani ha detto che il gruppo conta di archiviare l’esercizio 2013 con un utile netto compreso tra 100 e 160 milioni di euro dopo aver realizzato a ottobre una raccolta netta “molto superiore a 300 milioni”, afflussi che porteranno nel mese le masse in gestione a superare i 22 miliardi. [ID:nL5N0IP28U]

* Tra le mid cap strappa INDESIT, +13,7% con volumi sette volte la media. In risposta a indiscrezioni stampa, il gruppo ha precisato che il Cda sta considerando la possibilità di un rafforzamento del gruppo e ha preso atto del conferimento da parte di Fineldo - la holding della famiglia Merloni principale azionista di Indesit - di un mandato a un advisor per esplorare le alternative riguardo l’investimento nell’azienda. [IDnL5N0IP1L8:]

* Il pareggio fuori casa della ROMA, che mantiene comunque il primo posto in classifica ma riducendo le distanze da Napoli e JUVE, fa scattare le vendite sulla squadra giallo-rossa che cede oltre il 5%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below