4 novembre 2013 / 07:45 / tra 4 anni

Borse Europa leggermente positive, a picco Ryanair su warning

LONDRA (Reuters) - Mattinata in territorio leggermente positivo per l‘azionario europeo, che riesce a mantenere il segno più mentre Ryanair crolla dopo l‘allarme sugli utili.

La sala operativa della borsa di Francoforte. REUTERS/Remote/Stringer

A monte della sostanziale tenuta, in primo luogo, le scommesse di ulteriori provvedimenti espansivi da parte della Banca centrale europea a fronte dell‘inatteso ulteriore raffreddamento dei prezzi al consumo.

Sullo sfondo, di scarso impatto la lettura delle indagini Pmi relative al settore manifatturiero di ottobre, con l‘indice della zona euro che si conferma sul 51,3 della stima flash dopo il 51,1 di settembre.

Partita relativamente in sordina, anche alla luce della pausa di Tokyo per festività, la settimana andrà via via vivacizzandosi per arrivare al consiglio mensile sui tassi Bce di giovedì e al dato sugli occupati mensili Usa di venerdì.

A parere di Stewart Richardson, responsabile investimenti RMG Wealth, l‘azionario è ben impostato e tale dovrebbe restare anche in caso di un nuovo taglio dei tassi di riferimento.

“La Bce non è finora riuscita a mettere a punto alcuna misura per far realmente ripartire la crescita economica... difficilmente provvedimenti che non fossero un vero e proprio ‘quantitative easing’ - che al momento comunque escludiamo - avrebbero un impatto positivo di lungo raggio sulle borse” spiega.

Intorno alle 10,30 l‘indice FTSEurofirst 300 risale dello 0,46% e l‘Eurostoxx 50 di 0,38%. Tra le singole piazze Londra è in rialzo di 0,53%, Parigi di 0,4% e Francoforte dello 0,37%.

Secondo calcoli a cura di Thomson Reuters Starmine, su oltre la metà delle società dello Stoxx 600 che hanno pubblicato i risultati del terzo trimestre il 47% ha centrato o superato le attese contro una percentuale di 58% nel secondo e 52% nel primo trimestre.

I titoli in evidenza:

* Arretra fino a oltre 11% Ryanair, affossato dal profit warning che prevede il gruppo chiuda l‘esercizio 2013 in rosso per la prima volta negli ultimi cinque anni a causa della crescente competizione che ha già compresso i prezzi di circa 10% nei mesi invernali.

* Il brusco storno della compagnia irlandese si riflette negativamente anche su EasyJet, che arretra di circa 4,5%.

* Sempre sulla piazza parigina Alcatel, che perde quasi 5% dopo aver annunciato un aumento di capitale da 955 milioni e l‘emissione di un bond high-yield da 750 milioni di per rimediare a una situazione di bilancio precaria.

Il colosso tecnologico franco-americano, inoltre, ha messo in cantiere una nuova linea di credito revolving da 500 milioni di euro.

* Tra i bancari brilla a +2,5% Hsbc, forte del progresso di 10% dell‘utile trimestrale ottenuto grazie alla politica di taglio dei costi che controbilancia il calo dei ricavi nel settore investment banking. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below