October 28, 2013 / 4:47 PM / 5 years ago

Btp chiudono per lo più positivi, occhi ad aste, Fed, spread a 245 pb

MILANO (Reuters) - Chiude sostanzialmente con qualche segno positivo il mercato obbligazionario italiano, azzerando per lo più le perdite di inizio seduta attribuite soprattutto a prese di beneficio dopo il lungo periodo di rally.

I dealer dicono che in generale l’attesa è soprattutto per le prossime aste italiane di questa settimana, mentre sullo sfondo resta l’attenzione per ciò che verrà comunicato mercoledì dalla Fed dopo la due giorni di meeting di politica monetaria del Fomc.

“Se da una parte le aste in corso potrebbero creare pressioni, dall’altra il fatto che probabilmente la Fed terrà in essere il suo programma di stimolo ancora per un po’ dà forza ai mercati” dice un altro.

Dopo il recente shutdown, gli operatori collocano ora la partenza del tapering nel mese di marzo, ossia in occasione della prima riunione del 2014. La conferenza stampa di mercoledì potrebbe essere chiarificatrice sui tempi. Prima dello shutdown le previsioni erano per un avvio a fine anno.

Il tasso del decennale italiano, dopo un’apertura in rialzo a 4,225%, è sceso stasera a 4,199% dal 4,217% del finale di seduta di venerdì. L’andamento è simile a quello del bund decennale e dunque lo spread è migliorato solo leggermente a 245 punti base dai 247 pb della chiusura di venerdì, allontanandosi dal massimo dall’11 ottobre segnato venerdì stesso a 248 punti base.

Il rendimento del decennale spagnolo è sceso parallelamente, a 4,09%, lasciando invariato il differenziale con il Btp.

L’attenzione va alle prossime aste, dopo che la prima seduta di oggi ha mostrato buoni bid-to-cover, rendimenti in calo e l’assegnazione dell’ammontare massimo (3 miliardi) del range offerto (2,25-3 mld).

Domani è invece la volta del Bot semestrale, offerto per 8 miliardi contri i 9,2 miliardi in scadenza. Sul greymarket di Mts, stasera quota un rendimento medio di 0,67%. All’asta di fine settembre il Bot a sei mesi è stato collocato al rendimento di 0,781%. Alla quotazione di stasera, il rendimento risulterebbe al minimo dal maggio scorso.

Ma ancora più attenzione c’è per le aste di mercoledì sui Btp a 5 e 10 anni, offerti per complessivi 5-6 miliardi, mentre all’orizzone si profila l’offerta del BTP Italia che solitamente domina la scena per l’interesse che raccoglie da parte degli investitori.

Alcuni vedono la possibilità di qualche pressione in questi giorni di aste, ma “le emissioni si collocano in una settimana di abbondanti scadenze di titoli e cedole per un importo di circa 45 miliardi, soprattutto in Italia e Spagna” scrive Mps in una nota.

La nuova edizione del Btp Italia - guidata da Mps e Bnp Paribas - sarà sottoscrivibile dagli investitori da martedì 5 a venerdì 8 novembre prossimi, con la possibilità per il Tesoro di chiudere anticipatamente il collocamento, già alle ore 14 del secondo giorno d’offerta . Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below