10 ottobre 2013 / 17:18 / 4 anni fa

Zona euro, Draghi: ripresa fragile, ma si fanno progressi

NEW YORK (Reuters) - Il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, dice che uno stallo prolungato sul debito Usa può creare problemi all‘economia globale.

Il presidente della Bce, Mario Draghi, alla John F. Kennedy School of Government ad Harvard. Usa, Cambridge, Massachusetts, 9 ottobre 2013. REUTERS/Brian Snyder

Un‘impasse sul debito che dura settimane o mesi potrebbe causare “danni seri” all‘economia statunitense e globale, dice Draghi, parlando davanti all‘Economic Club of New York, prima degli incontri del fine settimana del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale a Washington.

Draghi ha detto che il ritmo della ripresa in Europa è sottotono e fragile, ma che si stanno facendo progressi verso fondamentali economici più solidi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below