2 ottobre 2013 / 13:41 / tra 4 anni

Bce, economia in ripresa sebbene lenta e fragile, pronti tutti gli strumenti

FRANCOFORTE (Reuters) - L‘attività economica della zona euro dovrebbe riprendersi anche se a un ritmo lento e con rischi al ribasso per la crescita che potrebbe anche essere condizionata dai mercati monetari e finanziari.

Il presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi a Parigi, ieri, dopo un incontro col presidente francese François Hollande. REUTERS/Philippe Wojazer

In parallelo, la Bce assicura che l‘orientamento di politica monetaria rimarrà accomodante finché sarà necessario, che i tassi chiave resteranno sui livelli attuali o inferiori per un periodo prolungato e che verrà assicurata la liquidità necessaria attraverso tutti gli strumenti possibili, compreso un nuovo Ltro.

Questo il messaggio delpresidente Bce Mario Draghi nella conferenza stampa seguita alla riunione del direttivo della Bce cha ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse, con il tasso di riferimento fermo allo 0,50%.

“In linea con la ‘forward guidance’ segnalata in luglio, il Consiglio direttivo conferma che i tassi chiave resteranno all‘attuale livello o più bassi per un periodo prolungato di tempo”, ha detto Draghi.

“I rischi per le prospettive economiche dell‘area dell‘euro continuano ad essere orientati al ribasso. Gli sviluppi dei mercati monetari e finanziari e le incertezze correlate pootrebbero influenzare negativamente le condizioni economiche” dice Draghi. “Ulteriori rischi al ribasso includono i prezzi delle materie prime in un contesto di rinnovate tensioni geopolitiche, una domanda globale più debole del previsto e l‘attuazione lenta o insufficiente delle riforme strutturali nei paesi dell‘area dell‘euro”.

Rispondendo poi a una domanda Draghi precisa: “la Bce vede la ripresa economica debole, fragile e disomogenea”.

D‘altro canto l‘inflazione, uno dei pilastri della politica monetaria in Europa, mostra rischi equilibrati, mentre il livello del cambio - per l‘euro la Bce come noto non ha obbiettivi - è considerato importante per la crescita e la stabilità dei prezzi.

La moneta unica alle parole di Draghi ha segnato il massimo da febbraio contro la divisa Usa sopra 1,36 dollari, in rialzo dello 0,5% dalla chiusura precedente di 1,3524 dollari.

OPZIONE TAGLIO TASSI ANCORA SUL TAVOLO, COME LTRO

Il Consiglio - riunito in via straordinaria di mercoledì a Parigi invece che di giovedì a Francoforte - ha discusso di tagli di tassi, ha detto Draghi,così come l‘utilizzo di una vasta gamma di strumenti, tra cui anche un nuovo finanziamento a lungo termine (Ltro).

“Siamo pronti ad usare tutti gli strumenti disponibili, compreso un Ltro per assicurare la stabilità dei prezzi nel medio termine” ha detto Draghi aggiungendo che la Bce è fiduciosa nella ripresa del credito entro il termine dell‘asset quality review.

Nel dettaglio, Draghi ha detto che la Bce manterrà le operazioni di rifinanziamento a tasso fisso e a rubinetto almeno fino a luglio 2014 e che è pronta a fornire liquidità quanto serve anche se - ha precisato - ciò non deve sostituire le carenze di capitale delle banche.

Gabriella Bruschi Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below