27 settembre 2013 / 15:39 / tra 4 anni

Telecom Italia, Bernabè pronto a presentare aumento capitale a cda 3 ottobre

Il presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè, nel suo ufficio a Roma. REUTERS/Alessandro Bianchi

MILANO (Reuters) - Il presidente di Telecom Italia si prepara a proporre un aumento di capitale da 3-5 miliardi al consiglio previsto per il 3 ottobre.

Lo dicono due fonti vicine alla vicenda, aggiungendo che la decisione potrebbe portare a una spaccatura nel consiglio e a una conta dei voti in assemblea.

Le ipotesi di trovare un nuovo socio, pronto a sottoscrivere un aumento di capitale riservato, sono considerate al momento ridotte, anche a causa dell‘effetto inibitore della call option di Telefonica sulla quota dei soci italiani in Telco.

“Il presidente del gruppo lo ha detto all‘audizione in Parlamento, l‘aumento è l‘unica soluzione per rilanciare il gruppo”, dice una fonte. “Dovrebbe quindi presentare un aumento da 3-5 miliardi...”

Una seconda fonte conferma, aggiungendo che il presidente sta valutando se avrà un supporto sufficiente in cda.

In consiglio, gli indipendenti, che si sono già dichiarati contrari alla cessione delle attività in Sudamerica, più l‘AD Marco Patuano e il presidente Franco Bernabè, rappresentanto la maggioranza. [ID:nL5N0HL1JP]

Telco, contraria a un aumento, controlla il 22,4% del capitale. Generalmente rappresenta la maggioranza del capitale presente, ma la proposta di Bernabè potrebbe portare a una partecipazione più consistente, mettendo Telco in minoranza.

Telco in termini di diritti di voto, è partecipata da Telefonica al 46,18%, Intesa Sanpaolo e Mediobanca con l‘11,62% ciascuna e Generali con il 30,58%.

Indicazioni certe sulla volontà di proseguire con l‘aumento dovrebbero arrivare domani sera con la convocazione del consiglio e la lettura dell‘ordine del giorno.

Mercoledì Bernabè ha detto che è necessario un aumento di capitale per fronteggiare il rischio di downgrade e che l‘operazione di scorporo della rete fissa non ha un esito scontato. [ID:nL5N0HL0HY] Bernabè ha fatto riferimento anche a un‘abbondante liquidità sul mercato, facendo pensare a un aumento non riservato a un nuovo socio. [ID:nL5N0HL0SE]

“La call di Telefonica sulla partecipazione dei soci italiani in Telco è un freno piuttosto potente per un nuovo partner”, aggiunge la prima fonte. “Un nuovo socio si troverebbe infatti a fronteggiare un socio con il 22% del capitale”.

Il gruppo spagnolo non ha intenzione di prendere il controllo di Telecom Italia, ma non vuole che cada nelle mani di un altro operatore ed è pronto ad agire per evitare questo rischio, hanno detto alcune fonti. [ID:nL5N0HN11F] La cessione delle attività sudamericane, Tim Participacoes e Telecom Argentina, è considerata alternativa a un aumento, per evitare il downgrade del debito.

(Stefano Rebaudo e Danilo Masoni)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below