September 23, 2013 / 3:22 PM / 5 years ago

Indesit propone calo esuberi e aumento investimenti di 8 milioni

MILANO (Reuters) - Indesit è pronta a rivedere il proprio piano di riassetto, proponendo una riduzione degli esuberi di circa l’11% e un aumento degli investimenti in Italia di 8 milioni, da 70 a 78 milioni, offerta che però non soddisfa ancora i sindacati.

E’ quanto anticipato da una fonte e poi confermato da una nota dell’azienda, al termine dell’incontro con sindacati e istituzioni che si è tenuto oggi presso il ministero per lo Sviluppo economico.

Sul piano occupazionale l’azienda intende ridurre il numero di dipendenti interessati dagli esuberi di 126 unità, sui 1.400 previsti (il numero iniziale era 1.425, ma 25 manager sono già usciti).

“La proposta (è) di destinare un numero maggiore di produzioni ai poli industriali italiani e di portare all’interno dell’azienda alcune attività oggi svolte fuori, con conseguente riduzione immediata del numero di addetti interessati dal piano e ulteriori investimenti per 8 milioni di euro che vanno a sommarsi ai 70 già previsti”, si legge nella nota.

Indesit si offre inoltre di riassorbire in quattro anni i 150 impiegati degli uffici e sottolinea che nel periodo del piano 330 lavoratori matureranno i requisiti per il pensionamento. Per quanto riguarda gli altri esuberi, la società spiega che intende ricorrere alla cassa integrazione straordinaria e ai contratti di solidarietà.

Indesit ha inoltre proposto di destinare al reparto di Melano - per il quale era prevista la chiusura dello stabilimento - alcune produzioni aggiuntive, di portare all’interno delle sedi di Fabriano e Caserta alcuni servizi di assistenza tecnica, di creare a Caserta un IT service center, e di sviluppare ulteriori progetti di amministrazione e gestione nelle sedi centrali.

In precedenza una fonte vicina alla situazione aveva sottolineato che sono tutte proposte ancora in discussione, legate anche agli strumenti offerti dalle istituzioni.

Per il momento l’accoglienza dei sindacati alle aperture di Indesit è tiepida.

“Di positivo c’è che Indesit non considera più immodificabile il piano industriale presentatoci il 4 giugno, ma nel merito siamo ancora molto lontani”, spiega in una nota Gianluca Ficco, coordinatore nazionale Uilm del settore elettrodomestici.

Anche Fim Cisl giudica le proposte “ancora inadeguate e insufficienti”, come si legge in un tweet.

Il tavolo con sindacati e istituzioni è stato aggiornato al prossimo 14 ottobre.

(Elisa Anzolin)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below