19 settembre 2013 / 08:12 / tra 4 anni

Telecom Italia, visti nuovi incontri su piano, si guarda a cessioni

MILANO (Reuters) - Iniziano oggi e proseguiranno nelle prossime settimane gli incontri informali per il piano Telecom Italia più aggressivo sul fronte investimenti, ma che allo stato sembra difficile finanziare senza vendere un pezzo del gruppo.

Un "Punto Telecom" nel centro di Milano, in una foto dell'aprile scorso. REUTERS/Stefano Rellandini

“Nessuno dei soci è intenzionato a metterci soldi, non si vede la possibilità al momento dell‘ingresso di un nuovo azionista, temo che, per finanziare il rilancio, sia necessario vendere”, dice una fonte vicina alla vicenda.

Su questo fronte, Telefonica ha un‘idea piuttosto chiara che, secondo alcune fonti, è stata oggetto di discussione tra i principali soci nelle ultime settimane: conservare lo status quo o quasi su Telco e avviare il lungo processo di cessione di Tim Brasil, in vista di una fusione tra i due gruppi da realizzare nel medio termine.

Telco, holding di controllo del gruppo, detiene il 22,4% di Telecom ed è partecipata da Telefonica al 46,18%, Intesa Sanpaolo e Mediobanca con l‘11,62% ciascuna e Generali con il 30,58%.

Telefonica era anche disposta a fare un‘offerta per acquistare parte delle quote dei soci Telco, ma su quel fronte al momento non sembrano esserci sviluppi.

Le riunioni “continueranno nei prossimi giorni al fine di arrivare al cda del 3 ottobre con una decisione”, dice una seconda fonte vicina alla vicenda.

VERSO DIVISIONE GRUPPO

Una fonte sindacale dice che il gruppo andrà verso una riorganizzazione in cinque divisioni e questo potrebbe essere propedeutico a cessioni.

“Le società controllate da una holding sarebbero cinque, fisso, mobile, call center, servizi e rete”, dice la fonte. “Poi teoricamente sarebbe più facile procedere a una cessione”.

ATTESI SVILUPPI SU TELCO

Con l‘uscita dei soci italiani, Telco di fatto non ci sarebbe più, e Telecom diventerebbe pienamente contendibile, rendendo più concreta l‘ipotesi di ingresso di nuovi soci e portando le quotazioni verso l‘alto.

Mediobanca è decisa a perseguire la linea dello scioglimento di Telco il 28 settembre, comunque vadano le trattative. Non è chiaro quali siano le intenzioni di Generali, la cui posizione sarà decisiva per il futuro della holding.

In questo caso si aprirebbero scenari imprevisti e sarebbe più concreta l‘opzione del nuovo socio, che potrebbe sottoscrivere un aumento di capitale riservato, idea già avanzata da Bernabè con Hutchison Whampoa e Naguib Sawiris, ma che alla fine non è andata a buon fine.

(Stefano Rebaudo)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below