18 settembre 2013 / 11:36 / tra 4 anni

Iva, portavoce Rehn: decisione su aumento spetta a governo italiano

BRUXELLES (Reuters) - Valutare se sia necessario o meno aumentare l‘Iva a ottobre è una decisione che spetta al governo italiano. Lo ha detto il portavoce del commissario europeo Olli Rehn.

Il commissario europeo Olli Rehn. REUTERS/Ints Kalnins

“Spetta al governo valutare cosa sia necessario fare”, ha risposto Simon O‘Connor, portavoce dell‘eurocommissario, a un giornalista che gli ha chiesto di commentare l‘eventualità di un aumento dell‘imposta.

Secondo quanto riferito ieri da una fonte a Reuters, il Tesoro sarebbe orientato a far scattare l‘aumento dell‘aliquota al 22% dal 21%.

Un‘eventualità che ha già fatto scattare le proteste del Pdl, che stamane con Renato Brunetta ha chiesto al premier di smentire l‘aumento [ID:nL5N0HE189].

Il dossier Iva è stato oggetto di discussione tra il ministro delle Finanze Fabrizio Saccomanni e lo stesso Rehn che ieri, in un‘audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato ha rinnovato la richiesta all‘Italia di spostare il carico fiscale dai fattori di produzione, come è il lavoro, verso patrimonio, consumi ed emissioni inquinanti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below