20 agosto 2013 / 11:04 / 4 anni fa

Monetario, tassi restano schiacciati ma si avvicinano riversamenti

Biglietti da 500 euro. REUTERS/Lee Jae-Won

MILANO (Reuters) - Il mercato monetario - impegnato oggi nel finanziamento settimanale e nei prossimi giorni nei riversamenti fiscali italiani - non mostra ancora segni di tensione, anche se i tesorieri dicono che qualche leggero rialzo sulle scadenze a brevissimo si potrebbero vedere nei prossimi giorni.

“Il p/t settimanale di oggi è consistito in un sostanziale rinnovo dell‘ammontare in scadenza. Il mercato è tranquillo, anche se forse si potranno vedere alcune tensioni sulle scadenze che coincideranno con le sedute più impegnative dei riversamenti fiscali” dice un tesoriere.

Oggi le banche hanno chiesto al p/t settimanale 97,7 miliardi, in liena con i 97,561 miliardi in scadenza. Con un benchmark indicato dalla Bce a -29 miliardi, i tesorieri stimano riserve in eccesso questa settimana sui 262 miliardi, poco variati dai 258 miliardi della scorsa settimana.

I riversamenti fiscali di questo mese, che comprendono i normali pagamenti dell‘Iva mensile, sono previsti nelle giornate del 21, del 23 e del 26 agosto, con una fuoriuscita di fondi dai conti correnti che i tesorieri stimano in un trentina di miliardi complessivi.

Alle 12,30 su General Collateral Italia l‘overnight scambia allo 0,04%, in linea con la media della mattinata; lo stesso per il tom/next allo 0,04%, mentre lo spot/next scambia allo 0,07%.

I tassi appaiono decisamente schiacciati anche sul comparto cash, dove su schermi Reuters l‘overnight viaggia allo 0,03/0,08% a fronte di una media Eonia fissata ieri allo 0,079% dal precedente 0,078%.

Nell‘assenza generale di spunti, qualcuno ha provato ad attribuire più significato del dovuto a un commento del tutto ragionevole uscito dalla Bundesbank riguardo alla portata delle indicazioni prospettiche fornite dalla BCE sui tassi: tale impegno, dice la Bundesbank, non è assoluto ma condizionato [ID:nL6N0GK1EU]. “Stupisce che qualcuno possa stupirsi: già il 6 agosto Praet aveva spiegato che l‘impegno ‘è condizionato alla valutazione corrente da parte del Consiglio Direttivo delle prospettive per la stabilità dei prezzi’, secondo la quale è molto probabile che le condizioni economiche rimangano a lungo tali da giustificare un grado eccezionale di stimolo monetario” scrive Intesa sanpalo in una nota. “E se non bastasse, il 1° agosto Draghi aveva precisato che le indicazioni sulla stabilità dei tassi erano ‘basate su uno scenario per l‘inflazione complessivamente invariato nel medio termine, data la diffusa debolezza dell‘economia e la modesta dinamica degli aggregati monetari’”.

Cede leggermente oggi l‘Euribor trimestrale con un fixing a 0,225% dallo,226% di ieri.

Nessuna richiesta oggi all‘asta Optes, dove il Tesoro ha offerto 4,375 miliardi al tasso di eslusione dello 0,1%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below