19 agosto 2013 / 06:40 / tra 4 anni

Borse Asia-Pacifico, indici in calo, pesante India su fuga esteri

MILANO (Reuters) - Le borse dell‘area Asia-Pacifico viaggiano complessivamente in ribasso, zavorrate dall‘attesa per il passo indietro della Fed in materia di misure di stimolo della crescita economica.

Un impiegato al telefono guarda l'andamento dei titoli su un display elettronico alla Borsa di Sydney. REUTERS/Daniel Munoz

Preoccupa l‘evoluzione della situazione in India, dove la banca centrale ha varato diverse misure giudicate preoccupanti dagli investitori esteri.

Attorno alle 8,15 italiane, l‘indice Msci dell‘area, che non comprende Tokyo, perde lo 0,5% circa.

* Poco mossa HONG KONG, con gli investitori che paiono affacciati alla finestra, in attesa di capire quale direzione prenderanno i mercati. Rusal pesante dopo aver archiviato il trimestre con una perdita di 208 milioni di dollari. Prada in rialzo.

* Meglio SHANGHAI, che si stabilizza dopo gli scossoni di venerdì scorso. Nella seduta precedente, infatti, il broker China Everbright Securities ha immesso ordini di acquisto massicci, facendo schizzare le quotazioni, salvo poi fare marcia indietro e imputare gli ordini a un errore tecnico, annuncio che ha provocato un brusco arretramento della borsa cinese. Peraltro, oggi Everbright ha comunicato che non intende vendere le azioni acquistate per errore, contribuendo a rasserenare il clima. Lo scossone provocato da Everbright si traduce in flessioni degli altri broker quotati, come Southwest Securites e Huatai Security.

* SINGAPORE in moderato calo. Tonica la società di investimenti Rowsley: un broker ha sottolineato il potenziale di upside del titolo.

* TAIWAN ha chiuso in ribasso dello 0,31%. Pesanti i produttori di gomma.

* Lieve flessione per SEOUL. Debole Hyundai Motor sulla prospettiva di uno sciopero da parte dei lavoratori sindacalizzati. Al galoppo Samsung Sdi e Posco Ict dopo che il ministero del Commercio e dell‘Industria ha annunciato misure per la gestione della domanda di energia che favoriranno le società che producono sistemi per lo storage di prodotti energetici.

* Segno meno contenuto per SYDNEY, sostenuta dai comparti difensivi. Telstra penalizzata dallo stacco della cedola. Poco mosse le società minerarie, come Rio Tinto e Bhp Billiton. A picco Alcyone Resources (-20%), attiva nell‘estrazione dell‘argento, sull‘annuncio che sta cercando una nuova controparte per l‘acquisto anticipato della materia prima a prezzi fissi.

* Pesante MUMBAI, penalizzata dalla fuga di capitali esteri. L‘azionario indiano è sui minimi degli ultimi undici mesi. Le restrizioni imposte dalla banca centrale pesano soprattutto sul settore finanziario, con Icici Bank in particolare sofferenza.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below