29 luglio 2013 / 06:53 / tra 4 anni

Borse Europa, indici in leggero denaro, si scommette su M&A

MILANO (Reuters) - Discreti flussi di acquisto sugli indici delle borse europee, spinti dal clima di fiducia sul fronte fusioni e acquisizioni che tende a risollevare l‘umore degli investitori dopo due settimane di ribasso.

Poco dopo le 10 il FTSEurofirst 300 sale di 0,32%, mentre l‘indice delle blue-chip della zona euro Euro STOXX 50 guadagna 0,23%. Tra le singole piazze europee Londra risale di 0,31%, Francoforte di 0,43%, Parigi avanza di 0,15%.

In vetta ai listini spicca il +8% dell‘irlandese Elan, gruppo farmaceutico su cui la statunitense Perrigo ha fatto un‘offerta - accettata - da 8,6 miliardi di dollari.

Sospesa dalle quotazioni per la seduta odierna la francese Publicis, che ha annunciato durante il fine settimana il piano di fusione con la concorrente Omnicon in una transazione del valore di 35,1 miliardi.

“Sono le grandi operazioni di fusione e acquisizione a fare da sostegno al mercato, per quanto di solito questo genere di entusiasmo si riveli di breve durata e per questo motivo la prudenza è d‘obbligo” commenta Philippe de Vandiere, analista di Altedia Investment Consulting a Parigi.

“Il mercato ha già fatto parecchia strada, nessuna delle trimestrali finore diffuse ha particolarmente deluso ma non vedo grossi spunti... vediamo la maggiorabza degli investitori schierati sulla difensiva”.

Tra i titoli in evidenza:

* Positiva Siemens, in rialzo di oltre 2% dopo l‘annuncio dell‘uscita di scena del Ceo Peter Loescher.

* Migliora di oltre 3% Danone, secondo cui il mercato europeo mostra segnali di stabilizzazione nel secondo trimestre soprattutto nella divisione ‘core’ dei latticini freschi. Il gruppo alimentare francese ha inoltre confermato le stime di utile e fatturato relative all‘intero esercizio 2013.

* In decisa controtendenza l‘olandese Tnt, che lascia sul terreno oltre 6% dopo l‘annuncio di una perdita operativa pari a 280 milioni nel secondo trimestre.

* Debole Aberdeen Asset Management dopo la pubblicazione dei dati trimestrali al 30 giugno che evidenziano clienti in uscita dai fondi.

* Sulla piazza londinese cede oltre 3% Barclays, che in settimana dovrà annunciare come intende far fronte ai nuovi vincoli più stringesti sul capitale. Piatta invece Lloyd‘s, i cui incoraggianti risultati potrebbero far ragionare Londra su un‘uscita da parte del capitale, Secondo il ‘Sunday Times’, i consulenti di Barclays starebbero sondando gli investitori per valutare un possibile aumento di capitale da 4 miliardi di sterline.

* In caduta di oltre 3% Comerzbank: secondo ‘Der Spiegel’, per diverse banche tedesche si profilerebbe la necessità di nuove svalutazioni o aumenti di capitale in vista degli stress test europei dell‘anno prossimo.

* Cede circa 2% Ryanair, a riflesso delle aggressive politiche di taglio dei costi varate delle compagnie low cost concorrenti. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below