22 luglio 2013 / 12:53 / 4 anni fa

Euro/dollaro sale su minori rischi Portogallo, bene yen dopo voto

NEW YORK (Reuters) - Euro ben impostato sul dollaro nella seduta odierna, in un mercato che vede con favore l‘allontanarsi dei rischi più immediati di una crisi di governo in Portogallo.

Il presidente della Repubblica Anibal Cavaco Silva è tornato ad esprimere il proprio appoggio al governo di centrodestra in carica, escludendo l‘ipotesi di elezioni anticipate.

La settimana scorsa era fallito il tentativo di dare vita anche in Portogallo ad un governo di larghe intese, a seguito della crisi innescata nelle settimane scorse dalle dimissioni di due ministri per protesta contro la linea di austerità portata avanti dal governo di Lisbona. Dimissioni che hanno portato il mercato a dubitare delle reali capacità dell‘esecutivo di portare a termine gli impegni presi con i creditori internazionali.

Nel primo pomeriggio l‘euro si conferma in apprezzamento sul biglietto verde, anche se sotto il massimo intraday di fine mattinata di 1,3192.

Resta in apprezzamento anche lo yen nei confronti sia del dollaro sia dell‘euro, all‘indomani delle elezioni per la Camera alta del parlamento giapponese che hanno visto la larga affermazione del Partito liberaldemocratico del premier Shinzo Abe [ID:nL6N0FS0EV].

Ma al di là del recupero odierno, secondo gli operatori l‘esito del voto dovrebbe confermare il trend di debolezza di medio lungo periodo della valuta giapponese. La vittoria elettorale rafforza Abe e la sua aggressiva politica di stimolo fiscale all‘economia, accompagnata dall‘esplicito sostengo ad una linea ultra espansiva da parte della Banca del Giappone.

“Quasi tutti si erano posizionati su una vittoria di Abe, quindi si assiste a un trading del tipo ‘compra sull‘attesa’ e ‘vendi sulla notizia’” spiega lo strategist di Cibc Jeremy Stretch. “Ma il dollaro/yen sui ribassi va comprato, dal momento che alcune delle riforme strutturali che Abe deve intraprendere servono a mantenere lo yen competitivo. Mentre dall‘altro lato dell‘equazione ci sono gli Stati Uniti, che si avviano verso un periodo di ripresa del ciclo”.

Lo yen ha dunque approfittato di qualche riposizionamento nel corso della seduta, pur confermandosi vicino ai minimi recenti. Nella primissima parte della seduta il cambio dollaro/yen è salito fino al massimo dallo scorso 10 luglio a 101,05, mentre l‘euro/yen al massimo da due mesi di 132,43.

Da inizio anno il dollaro risulta in apprezzamento del 15% complessivo nei confronti della valuta giapponese.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below