22 luglio 2013 / 09:14 / 4 anni fa

Italia, debito/Pil in trim1 2013 ha superato quota 130%

MILANO (Reuters) - Alla fine del primo trimestre dell‘anno in corso il debito/Pil italiano si attestava al 130,3%, secondo solo a quello della Grecia, pari al 160,5%.

Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni. REUTERS/Francois Lenoir

Lo rende noto Eurostat.

L‘Italia aveva chiuso il 2012 con un debito/Pil al 127,0%. Per fine 2013 la stima del governo, che risale ad aprile, è pari al 130,4%.

Stime recenti indicano il rapporto a fine anno oltre il 131%: secondo un sondaggio Reuters condotto, tra il 4 e l‘8 luglio tra i principali economisti, il valore sarà pari al 131,1% per poi salire al 133,0% a fine 2014.

DEBITO/PIL GERMANIA A 81,2%, FRANCIA A 91,9%, SPAGNA A 88,2%

Tornando all‘Europa a fine marzo il debito/pil della zona euro sale al 92,2% rispetto al 90,6% di fine 2012, mentre nell‘intera Ue il rapporto passa a 85,9% da 85,2%. Poco dopo l‘Italia si collocano Portogallo (127,2%) e Irlanda (125,1%).

La Germania si attesta all‘81,2%, la Francia al 91,9%, la Spagna e la Gran Bretagna all‘88,2.

I balzi maggiori, comparando fine marzo 2013 e fine marzo 2012, sono quelli di Grecia (24,1 punti percentuali), Irlanda (18,3), Spagna (15,2) e Portogallo (14,9). Per l‘Italia il rialzo nel periodo è di 6,5 punti percentulali. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below