July 22, 2013 / 7:19 AM / 5 years ago

Btp positivi tra scambi contenuti in clima disteso, spread a 284 pb

MILANO (Reuters) - Il mercato obbligazionario italiano è positivo stamane, in un clima generale che, dopo le tensioni della scorsa settimana, si è rasserenato anche se con contrattazioni in ulteriore calo a causa dell’assenza degli attori del mercato.

Operatori a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

“Il mercato è tonico sui periferici, anche se gli scambi - soprattutto sul cash - sono veramente esigui e per nulla espressivi di un trend”, dice un dealer.

A metà seduta, su piattaforma Tradeweb il differenziale di rendimento tra decennali italiani e tedeschi quota in area 284 punti base, rispetto ai 289 della chiusura di venerdì, dopo essere salito fino a quota 291 nei primissimi scambi della seduta.

“Nelle ultime settimane il range prevalente è stato tra i 275 e 300 punti base: mi aspetto che lì rimarremo almeno fino al rientro di tutti dalle ferie” dice un dealer.

Il tasso sul dieci anni italiano, dopo un’apertura a 4,42%, a metà seduta quota 4,36% in calo dal 4,41% dell’ultima chiusura.

Accantonati, almeno per il momento, i timori per la tenuta dei governi - in Italia, come anche in Portogallo e in Spagna -, i lavori del governo nostrano si concentreranno in questo scorcio di luglio soprattutto sulla riforma fiscale per gli immobili e sul tentativo di bloccare il rialzo autunnale dell’Iva.

Pochissimi gli spunti della settimana anche sul fronte dei dati, fatta eccezione per la stima flash degli indici Pmi di metà settimana.

Più interessante è il dibattito sulle prossime aste del Tesoro italiano - in calendario a partire da venerdì - con al centro della discussione l’opportunità o meno di offrire in questa tornata d’asta un nuovo Btp decennale e la decisione di sospendere oppure no le aste di metà agosto.

DIBATTITO SU NUOVO DECENNALE, CANCELLAZIONE ASTE AGOSTO

Per entrambi i temi, strategist e dealer portano motivi a favore e contro.

Per il nuovo Btp decennale - marzo 2024 - già il Tesoro nel suo piano trimestrale aveva indicato il godimento della cedola sul primo agosto e dunque l’occasione per la prima emissione cadrebbe opputunamente sul prossimo 30 luglio. A chi, soprattutto tra i dealer, indica lo svantaggio di dover gestire una prima tranche necessariamente abbondante - sui 4-5 miliardi - in un mercato ora asfittico, mentre a fine agosto sarebbe forse più attivo, l’ufficio studi di Unicredit risponde che bisogna anche tener conto che vengono a scadere sul primo agosto titoli per ben 25 miliardi, fornendo così ampia liquidità. L’attuale decennale - maggio 2023 - è in circolazione per 17,7 miliardi.

Pro e contro ci sono anche riguardo la cancellazione delle aste di metà agosto, come accaduto negli ultimi due anni. Sul piatto dei ‘sì’ alla cancellazione pendono sia il fatto che il mercato è decisamente illiquido, sia che il Tesoro non ha stringente necessità di funding avendo coperto oltre il 70% del funding per quest’anno. Sul piatto dei ‘no’ pesa invece il fatto che - se il mercato resta tranquillo - potrebbe essere una buona occasione per aumentare il funding, anche in vista del pagamento dei debiti delle PA.

“Le ragioni pro e contro per la cancellazione sono abbastanza equilibrate tra loro e dunque le decisioni sono abbastanza equivalenti”, sottolinea l’uffcio studi di Unicredit. “Nei due scorsi anni le aste sono state cancellate, mentre tre anni fa sono state fatte, ma per quantitativi molto piccoli, strada quest’ultima che potrebbe essere percorsa anche quest’anno”.

Il Tesoro annuncerà le nuove aste questa settimana, nelle giornate di martedì, mercoledì e giovedì.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below