5 luglio 2013 / 07:54 / 4 anni fa

Borsa Milano chiude in calo con Europa dopo dati lavoro Usa

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude l‘ultima seduta della settimana in calo in una giornata di realizzi sulle borse europee alimentati dalle attese che la Fed Usa possa ridurre il piano di acquisti di titoli governativi prima di quanto previsto.

L'ingresso della Borsa di Milano, 18 marzo 2013. REUTERS/Alessandro Garofalo

Ad innescare queste scommesse sono stati i dati sull‘occupazione americana che hanno evidenziato un deciso miglioramento delle condizione del mercato del lavoro e che sembrano andare nella direzione di una conferma delle dichiarazioni di Bernanke di un paio di settimane fa su una possibile fine delle misure ultra-espansive.

“Ieri i mercati avevano reagito in modo euforico alle parole di Draghi sulla prolungata fase di politica monetaria accomodante mentre al contrario oggi hanno preso le buone notizie sul fronte del lavoro Usa come una conferma che la diminuzione graduale del piano di quantitative easing della Fed sia più vicina di quanto atteso”, commenta un trader.

L‘indice FTSE Mib cede l‘1,74%, l‘Allshare l‘1,6%. Il saldo settimanale rimane comunque positivo.

In Europa l‘indice benchmark FTSEurofirst ha chiuso oggi in calo dell‘1,15%.

* Sul listino milanese seduta pesante per TELECOM che cede il 3,6% il giorno dopo lo stop all‘intesa per un‘integrazione con 3 Italia che rinvia il tema del nuovo socio del gruppo e sposta l‘attenzione del mercato sui risultati.

* Deboli le banche che appesantiscono la performance di tutto l‘indice di borsa. POP EMILIA perde il 2,5%, UNICREDIT, MPS e INTESA SANPAOLO segnano cali di oltre due punti percentuali in un contesto ribassista per tutto il comparto bancario euoropro (Stoxx -1%).

*In calo anche ENI (-2,5%) e FIAT (-2%).

* In controtendenza MEDIASET continua la sua corsa con un trader che si dice positivo sul titolo che potrebbe beneficiare dei segnali di stabilizzazione del mercato pubblicitario.

* Ben comprata GTECH che guadagna il 3,2% sulla scia della promozione di Nomura che ha alzato il target price a 28,8 euro da 22 con giudizio che resta ‘buy’.

* Corre anche FONSAI (+1,65%), con il mercato che scommette sulla trimestrale, in calendario il 7 agosto. Un trader riferisce, inoltre, che un importante broker italiano ha aumentato il peso del titolo nel portafoglio proprio in attesa della trimestrale, che potrebbe rappresentare un buon catalizzatore. Forte anche la controllante UNIPOL (+4,26%).

* Fuori dall‘indice nuova giornata di forti volumi per RCS nell‘ultimo giorno dell‘aumento di capitale. Il valore del titolo è rimasto nei dintorni del prezzo di esercizio dell‘aumento, pari a 1,235 euro per azione, chiudendo a 1,23 euro in calo dell‘1,28%.

* Forte CEMENTIR (+7%) con un trader che cita un upgrade di un broker estero. Prese di profitto per TELECOM ITALIA MEDIA (-6,3%) dopo il balzo di ieri quando aveva annunciato un accordo per la cessione della partecipazione in Mtv Italia.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below