4 luglio 2013 / 09:11 / tra 4 anni

Corte Ue, Italia non rispetta obblighi su norme lavoro disabili

ROMA (Reuters) - Secondo la Corte di giustizia europea le norme italiane a tutela delle condizioni di lavoro dei disabili non sono adeguate poiché non impongono a tutti i datori di lavoro l‘adozione di provvedimenti efficaci a favore dei portatori di handicap.

Le misure adottate dall‘Italia per l‘inserimento professionale dei disabili, “anche ove valutate nel loro complesso, non impongono a tutti i datori di lavoro l‘adozione di provvedimenti efficaci e pratici, in funzione delle esigenze delle situazioni concrete, a favore di tutti i disabili, che riguardino i diversi aspetti delle condizioni di lavoro e consentano loro di accedere ad un lavoro, di svolgerlo, di avere una promozione o di ricevere una formazione. Di conseguenza, l‘Italia è venuta meno ai propri obblighi”, si legge nella sentenza odierna della Corte.

La Commissione o un altro Stato membro possono proporre un ricorso per inadempimento che, qualora accertato dalla Corte di giustizia, impone allo Stato interessato di conformarsi alla sentenza senza indugio.

La Commissione, qualora ritenga che lo Stato membro non si sia conformato alla sentenza, può proporre un altro ricorso chiedendo sanzioni pecuniarie. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below