3 luglio 2013 / 07:34 / tra 4 anni

Borsa Milano chiude negativa, ma meglio d'Europa, giù banche, bene Tenaris

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude la sessione odierna con un ribasso tutto sommato contenuto, se paragonato a quello di altri mercati europei, come Londra, Parigi e Francoforte, grazie al ritorno degli acquisti in concomitanza con l‘avvio della borsa Usa.

Operatori di borsa a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

A pesare sui listini i venti di instabilità politica provenienti dal Portogallo che hanno penalizzato soprattutto il comparto bancario. “Da un po’ di tempo il mercato si riprende con l‘avvio delle borse Usa e anche i timori legati al Portogallo sembrano eccessivi”, spiega un trader che segnala spunti selettivi su alcuni titoli.

L‘indice FTSE Mib termina la seduta in calo dello 0,54%, l‘Allshare dello 0,75%. Fanno peggio Londra (-1.12%), Parigi (-1,01%) e Francoforte (-0,96%). Volumi intorno a 1,8 miliardi di euro.

* TENARIS sale del 5,53% dopo che un gruppo di produttori nordamericani ha presentato alle autorità Usa una richiesta per imporre una norma antidumping a una serie di concorrenti asiatici. [ID:nL5N0F90YS] Il titolo già ieri a Buenos Aires aveva guadagnato l‘8,5%.

* In rialzo MEDIASET che balza del 5% circa, dopo le indicazioni positive sulla pubblicità dei mesi estivi date dal management in occasione dei palinsesti autunnali. “Sicuramente il +3% stimato a luglio è un dato positivo che arriva dopo tanti cali, ma bisogna ricordare che luglio e agosto pesano molto poco sulla raccolta annuale del gruppo”, osserva un analista.

* Sul fronte opposto, RCS cede il 33,69% a 1,240 euro con scambi 20% del capitale ordinario. Numeri che potrebbero far pensare a movimenti in corso tra gli azionisti, anche se i trader propendono per una spiegazione più tecnica. “Chi ha acquistato i diritti da oggi può vendere le azioni con la prospettiva di entrarne in possesso a 1,235 euro lunedì, giorno di esercizio dei diritti. Quindi tecnicamente non si tratta di una vendita allo scoperto”, spiega un trader. [ID:nL5N0F91KN]

* Stessa spiegazione per BANCA ETRURIA che cede l‘11% con scambi elevati.

* Nel settore energia, SAIPEM recupera nel finale e cede lo 0,71%: la scorsa notte si è capovolto ed è affondato il mezzo di perforazione autosollevante Perro Negro 6 tra le coste dell‘Angola e della Repubblica Democratica del Congo. Al momento non risultano inquinamenti ambientali. “Notizia negativa per il titolo”, commenta Luca Arena, analista di Icbpi.

Lettera anche su Snam che cede L‘1,7%. Pesanti anche ENEL in ribasso del 2% circa e A2A in calo del 2,75%.

* Lieve rialzo per FINMECCANICA dopo che i quotidiano danno per fatta la nomina alla presidenza di Gianni De Gennaro.

* Per il resto lettera abbastanza diffusa sul comparto bancario, in ribasso dell‘1,2% a livello europeo. La big UNICREDIT cede lo 0,56%, fanno peggio le popolari con il BANCO POPOLARE in calo del 2,16%, POP EMILIA del 2,36%, mentre svetta al rialzo POP MILANO (+3,08%). UBI cede oltre il 3%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below