28 giugno 2013 / 10:47 / tra 4 anni

Greggio stabile dopo massimo oltre quota 103 dollari

LONDRA (Reuters) - Il Brent è stabile, dopo il rialzo della mattinata europea, che lo ha portato sopra quota 103 dollari al barile e si avvia a chiudere giugno in positivo, per la prima volta in cinque mesi.

Aiutano i commenti della Fed secondo i quali non c‘è fretta di ridurre il massiccio piano di acquisti di bond.

Il benchmark del Mare del Nord, comunque, è ancora sulla buona strada per la terza perdita trimestrale - la serie più lunga dal 1997/98 - sui timori per lo stato dell‘economia globale e per il suo impatto sulla domanda di greggio.

Intorno alle 12,35 italiane il contratto sul Brent per consegna agosto è stabile a 102,82 cent dopo un massimo a 103,44 dollari. La scadenza analoga sul greggio Usa guadagna 23 cent a quota 97,29.

Le attività considerate a rischio sono state oggetto di vendite da quando il presidente della Fed, Ben Bernanke, ha detto che la banca centrale aveva intenzione di ridurre il ritmo degli acquisti di bond da fine anno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below