28 giugno 2013 / 06:21 / 4 anni fa

Europa trova accordo su banche, budget, disoccupazione giovanile

BRUXELLES (Reuters) - I leader europei ieri hanno trovato un accordo sulle misure per combattere la disoccupazione giovanile e promuovere il credito alle piccole e medie imprese, dopo quello sulle banche e il budget Ue.

Un giovane dietro il bancone di un bar di Roma. REUTERS/Tony Gentile

I 27 leader hanno deciso di spendere 8 miliardi di euro nei prossimi due anni per sostenere la creazione di posti di lavoro, formazione e tirocinio per i giovani.

Secondo molti osservatori si tratta di una goccia nel mare, con oltre 19 milioni di persone senza impiego nell‘Ue e più della metà di tutti i giovani sotto i 25 anni senza impiego in Spagna e Grecia.

I leader hanno anche approvato il piano che prevede che la Banca europea per gli investimenti (Bei) presti miliardi di euro alle Pmi in particolare negli Stati meridionali dell‘Ue.

“Le ultime 24 ore sono state un grande successo”, ha detto in conferenza stampa il presidente della Commissione europea Jose Manuel Barroso. “Oggi abbiamo trovato un accordo sul denaro per corroborare le nostre parole”.

Dopo colloqui nella notte in Lussemburgo, i ministri finanziari dell‘Unione hanno acconsentito a dividere i costi dei futuri fallimenti delle banche tra investitori e risparmiatori ricchi il più possibile.

Separatamente, i negoziatori di Parlamento europeo, Commissione e governi hanno raggiunto un accordo sul budget del 2014-2020 da 960 miliardi di euro, mettendo fine a mesi di scontri.

I leader hanno appoggiato all‘unanimità l‘accordo, ha detto il presidente del Consiglio Ue Herman Van Rompuy, superando un problema dell‘ultimo minuto sul rimborso della Gran Bretagna, che resterà intatto.

Il Parlamento europeo deve approvare l‘accordo il mese prossimo perché il nuovo budget possa essere in vigore da gennaio.

L‘accordo sulla risoluzione bancaria, che mira a salvaguardare i contribuenti europei evitando che paghino il conto per il salvataggio delle banche in difficoltà, sarà applicato su base nazionale dal 2018.

Getta le basi per un singolo sistema per risolvere i fallimenti di banche nell‘eurozona e nel blocco a 27, la seconda fase di quella che viene definita un‘unione bancaria europea, volta a rafforzare supervisione e stabilità del settore finanziario.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below