24 giugno 2013 / 07:24 / tra 4 anni

Btp chiudono in netto calo, spread oltre 300 pb prima di aste fine mese

MILANO (Reuters) - L‘aspettativa di un indebolimento dell‘impulso monetario garantito dalla Fed all‘economia Usa e, nello specifico, l‘approssimarsi delle aste di fine mese continuano a pesare nettamente sul mercato obbligazionario italiano, con uno spread su Bund di nuovo sopra i 300 punti base e il tasso sul Btp decennale oltre il 4,80%.

Un operatore cammina tra i banchi di una sala operativa. REUTERS/Ralph Orlowski

“C‘è decisamente pressione su tutta l‘Europa oggi, peraltro con volumi buoni” afferma il trader di una delle maggiori banche italiane.

Su piattaforma Tradeweb il rendimento sul dieci anni italiano ha toccato nel primo pomeriggio un picco intraday del 4,84%, ai massimi dal 4 marzo, mentre lo spread di rendimento tra Btp e Bund a 10 anni - nonostante vendite consistenti anche sulla carta ‘core’ - ha raggiunto quota 302 punti base, massimo dal 17 aprile, in allargamento dai 287 punti base della chiusura di venerdì.

“Stamattina l‘asta belga è andata molto male, c‘è stato un contagio sulla Francia e nel pomeriggio qualcuno ha cominciato anche a vedere pesantemente Italia” prosegue il trader. “Non dimentichiamo che siamo in vista della fine del semestre e nessuno, dico nessuno, adesso vuole prendere posizioni o fare scommesse”.

Stamane il Belgio ha collocato 2,708 miliardi di bond decennali al rendimento del 2,762%, massimo dal giugno dell‘anno scorso.

La tornata d‘aste italiane di fine mese parte invece domani con i collocamenti del nuovo Ctz giugno 2015, per 2,5-3,5 miliardi di euro e dei Btp indicizzati settembre 2018 e settembre 2026 per 500 milioni-1 miliardo di euro.

RENDIMENTO VISTO A MASSIMI SETTEMBRE IN ASTA CTZ

Sul mercato grigio di Mts, il nuovo Ctz tratta a un rendimento del 2,46-2,47% contro l‘1,113% dell‘ultima asta, di fine maggio: a tali livelli si tratterebbe addirittura di un rialzo del rendimento ai massimi da settembre dell‘anno scorso.

Unicredit, in una nota, parla di collocamento “difficile” per il Ctz. “L‘ambiente di mercato è volatile, la periferia sotto pressione e non ci saranno titoli in scadenza a dare sostegno al collocamento. Inoltre il regolamento dell‘asta cadrà sul 28 giugno, ultima data prima della fine del semestre” spiega Unicredit, che tuttavia aggiunge: “Di positivo c‘è che si tratta di un importo relativamente piccolo per una prima tranche di Ctz”.

Un operatore milanese sottolinea che il nuovo Ctz in asta domani sarà un 24 mesi di durata contro i 19 mesi di vita residua del ‘vecchio’ Ctz, il dicembre 2014, al momento dell‘asta dell‘asta di maggio.

“Grosso modo questo sfasamento della durata tra i due Ctz dovrebbe contare domani per una quarantina di centesimi sul rendimento” afferma l‘operatore.

Il rendimento sul benchmark a 2 anni italiano è salito oggi fino al 2,48% ai massimi da fine ottobre 2012.

La tornata d‘aste prosegue dopodomani con l‘offerta di 8 miliardi di euro di Bot a 6 mesi (su 8,875 in scadenza). Sul mercato grigio il nuovo Bot tratta al rendimento dello 0,878% contro lo 0,538% di fine maggio, segnando un rialzo teorico in asta ai massimi dallo scorso febbraio.

Unicredit sottolinea che i rendimenti italiani sono saliti in maniera netta dall‘ultima riunione del comitato di politica monetaria della Fed. Dopo tale movimento, spiega la banca, “le scadenze brevi appaiono interessanti, visto che è improbabile che la Bce restringa la propria politica monetaria anzi, potrebbe tagliare ulteriormente i tassi”.

In chisura di seduta il Tesoro ha poi comunicato i dettagli relativi ai collocamenti a medio lungo termine di giovedì prossimo: l‘offerta è compresa tra 4 e 5 miliardi di euro complessivi sui due benchmark a 5 e 10 anni

TASSO BUND 10 ANNI A MASSIMI DA 14 MESI

Parallelamente al rialzo dei rendimenti sui Btp, il tasso sul Bund decennale ha rivisto i massimi da 14 mesi, toccando un picco di seduta in area 1,85%.

“C‘è qualche forma di ‘overshooting’ sul mercato e il rendimento potrebbe ridiscendere in area 1,5% nei mesi estivi. Rendimenti così alti non hanno senso quando le condizioni economiche sono così deboli” spiega lo strategist di Bnp Paribas Patrick Jacq.

=========================== 17,30 =========================== FUTURES BUND SETTEMBRE 140,29 (-1,10) FUTURES BTP SETTEMBRE 107,36 (-1,94) BTP 2 ANNI (GIU 15) 101,032 (-0,557) 2,474% BTP 10 ANNI (MAG 23) 97,915 (-1,822) 4,821% BTP 30 ANNI (SET 40) 97,369 (-1,957) 5,247% ========================= SPREAD (PB)=========================

ULTIMA CHIUSURA TREASURY/BUND 10 ANNI 79 78 BTP/BUND 2 ANNI 221 195 BTP/BUND 10 ANNI 300 287 livelli minimo/massimo 286,2-301,8 280,7-292,5 BTP/BUND 30 ANNI 272 263

SPREAD BTP 10/2 ANNI 234,7 239,3 SPREAD BTP 30/10 ANNI 42,6 52,4 ==============================================================

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below