11 giugno 2013 / 11:39 / 5 anni fa

Libia, interruzioni limitano produzione petrolio a 1,16 mln bpd

SABHA (Reuters) - In Libia le interruzioni, dovute alle proteste in corso nel Paese in questi giorni, stanno limitando la produzione di petrolio a 1,16 milioni barili al giorno, al di sotto del livello pre-guerra di 1,6 milioni nel 2011.

E’ quanto riferisce a Reuters una fonte di settore.

Nonostante la produzione sia tornata alla normalità più rapidamente delle attese dopo la guerra, la Libia ha sempre avuto difficoltà a mantenere i livelli a seguito delle proteste e dei problemi tecnici che hanno ridotto i tassi di produzione nell‘ultimo anno.

Ad aprile i flussi si sono attestati a 1,55 milioni di barili al giorno, secondo il vice ministro del Petrolio, che spera che la Libia possa aumentare la produzione ulteriormente a giugno o luglio a 1,7 milioni.

Un obiettivo che sembra tuttavia lontano in una fase in cui il Paese sta affrontando diverse proteste che hanno causato la chiusura di due fra i principali terminal di esportazione del petrolio e tagliato i flussi da almeno un campo, El Feel, jv venture con Eni.

La soluzione per El Feel, che può pompare fino a 130.000 barili al giorno nel sudest della Libia, è stata quella di promettere nuove operazioni, come una raffineria e una società esplorativa nella regione per creare nuovi posti di lavoro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below