9 maggio 2013 / 06:23 / tra 5 anni

Borse Asia-Pacifico, indici perlopiù positivi su dati, fiducia Ws

MILANO (Reuters) - I dati sugli occupati in Australia forti e il taglio a sorpresa dei tassi in Corea del Sud hanno sostenuto stamani i mercati asiatici dopo il balzo di Wall Street ieri, tuttavia i rialzi sono stati contenuti dai timori di una ripresa dell‘inflazione in Cina.

Intorno alle 8,15 l‘indice MSCI dell‘area Asia-Pacifico, escluso il Giappone, sale dello 0,08%. La Borsa di Tokyo, positiva per tutta la seduta vicina a nuovi massimi da cinque anni, in chiusura ha ritracciato e ha ceduto lo 0,66%.

Andando sui singoli mercati, deboli HONG KONG e SHANGHAI penalizzate dal dato sull‘inflazione cinese leggermente più forte delle attese al 2,4% rispetto al consensus Reuters del 2,3%.

Positiva SINGAPORE sui massimi da oltre cinque anni grazie ai dati globali e al record di Wall Street.

SEUL sale di oltre l‘1% dopo che la Banca della Corea ha inaspettatamente tagliato i tassi, aumentando l‘interesse degli investitori stranieri verso i titoli bancari e delle costruzioni.

Lieve calo per SYDNEY nel finale nonostante l‘andamento rialzista dei minerari, mentre il sentiment è positivo dopo il dato forte sugli occupati.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below