April 29, 2013 / 3:58 PM / 6 years ago

Btp chiude a massimi seduta sostenuto da aste, politica, spread a 272 pb

MILANO (Reuters) - Il mercato obbligazionario italiano chiude positivo e sui massimi di seduta, corroborato da aste a medio-lungo collocate stamane per il massimo dell’offerta a rendimenti in netto calo e da un discorso programmatico del premier Enrico Letta che da una parte sembra deciso a dare stimolo al lavoro e all’economia e dall’altra a non creare attriti con il centro destra.

“Il discorso di Letta è piaciuto al mercato, sia per i contenuti, sia per il fatto che potrebbe incontrare il sostegno del centro destra, permettendogli così finalmente di lavorare e andare avanti sulla strada delle riforme” dice uno strategist.

Letta dovrà ora ottenere la fiducia dalla Camera (stasera dopo le ore 20,00) e dal Senato (domani dalle ore 13,00).

Verso la chiusura il differenziale tra rendimento del decennale di riferimento italiano e tedesco quota in area 272 punti base, dai 286 punti base della chiusura di venerdì. Mercoledì scorso aveva segnato a 264,0 pb un minimo da inizio febbraio.

Il rendimento del Btp benchmark, il novembre 2022, è a 3,916% dalla chiusura venerdì di 4,073%. Sempre mercoledì scorso aveva segnato a 3,90% un minimo da due anni e mezzo.

“Il mercato si sta riportando verso i minimi segnati la scorsa settimana, dalla quale era partita una fisiologica correzione che ora sembra terminata” dice Alessandro Giansanti, strategist di Ing. “Il quadro è decisamente positivo per il mercato dopo le novità politiche. Ora il mercato è pronto a muoversi ancora al rialzo, con lo spread che nelle prossime settimane potrebbe stringersi fino a 200 punti base”.

In un colloquio riportato sull’edizione domenicale de La Repubblica, il neo ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni ha detto di voler ridurre spesa pubblica e tasse per spingere la crescita e far calare lo spread a “100 pb e anche meno”.

Il Tesoro ha collocato stamane 6 miliardi di titoli a 5 e 10 anni, il massimo del range offerto di 4-6 miliardi, a rendimenti scesi ai minimi da ottobre 2010.

Il Btp maggio 2023 è stato collocato a un rendimento del 3,94% dal 4,66% dell’asta di un mese fa e il Btp giugno 2018 a 2,84% da 3,65%, segnando in entrambi i casi il livello più basso dall’ottobre 2010.

Aggiudicato a un prezzo netto di 104,53, il Btp 2023 chiude stasera in rialzo rispetto a quel livello, a 104,676, così come il Btp 2018, aggiudicato a un netto di 102,91, chiude stasera a sul mercato a 102,976.

Con le aste odierne, il Tesoro ha collocato da inizio anno titoli per circa il 43% dell’importo importo lordo atteso per il 2013.

Gabriella Bruschi Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below