April 22, 2013 / 7:10 AM / in 5 years

Mercati tranquillizzati da nuovo mandato Napolitano

MILANO (Reuters) - Accoglienza, almeno a caldo, decisamente positiva dai mercati finanziari alla decisione di Giorgio Napolitano di accettare un secondo mandato come Presidente delle Repubblica - per l’Italia un inedito - che sembra spianare la strada alla rapida formazione di un governo a ormai due mesi dalle inconcludenti elezioni politiche.

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. REUTERS/Italian Presidency Press Office/Handout

In occasione del discorso di insediamento del tardo pomeriggio, il Colle renderà note le proprie ‘condizioni’, che potrebbero essere tanto temporali - un incarico più breve - quanto di contenuto, come l’accettazione del programma redatto dai ‘dieci saggi’ o la formazione delle cosiddette ‘larghe intese.

Rispetto ai 298 punti base di venerdì sera, il premio di rendimento tra decennale Btp e Bund è sceso nei primi scambi della seduta fino a quota 280 punti base, sui minimi da lunedì 25 febbraio scorso, quando le prime proiezioni ellettorali sembravano indicare una chiara vittoria del Pd. Nel corso della mattinata lo spread Italia/Germania è poi risalito in area 290 pb.

Di seguito il commento di alcuni operatori e analisti:

FRANCESCO GARZARELLI, economista Goldman Sachs

“Dopo molti momenti di incertezza sembra profilarsi il nostro scenario centrale, ovvero quello di un governo ‘delle istituzioni’. Napolitano parlerà nel pomeriggio al parlamanto per chiarire i termini condizionali all’accettazione di un secondo mandato e secondo le indiscrezioni stampa di oggi l’ipotesi è di un incarico già dopodomani per la formazione di un esecutivo che abbia l’appoggio di entrambe le camere sulla base di una specifica agenda.

Il mercato di Btp ha aperto con un’intonazione positiva, con lo spread sul decennale tedesco intorno ai 280 punti base, e restiamo del parere che il prossimo obiettivo sia una discesa a 275 con un test del livello di 4% per il rendimento del dieci anni. Per un recupero più significativo serve maggiore chiarezza sul tema delle riforme che il nuovo governo sarà effettivamente in grado di varare insieme a concrete testimonianze di un’economia in fase di stabilizzazione dopo otto trimestri consecutivi di contrazione”.

UNICREDIT, nota ufficio studi

“L’elezione di Napolitano è una buona notizia: in primo luogo si è dissolta l’incertezza su questo importante nodo istituzionale a favore di un personaggio dall’elevato profilo internazionale e dalla forza politica in grado di mediare tra le parti che, in diverse circostanze, si sono dimostrate incapaci di trovare un compromesso. L’incarico a Napolitano rende più probabile la formazione di un governo.

Allo stesso tempo, però, la visibilità all’interno del centro-sinistra si è drammaticamente ridotta. I problemi interni al Pd potrebbero avere importanti conseguenze, compresa la possibilità di una scissione interna. Al Pd manca infatti una guida e stanno emergendo fazioni opposte... l’alleato Sel ha già preso la propria strada e non sosterrà un governo del presidente. Le evoluzioni in seno al partito democratico vanno dunque monitorate con particolare attenzione.

Prevediamo una discesa dei rendimenti sui Btp in apertura di seduta lunedì [...], la rielezione del presidente segna un importante punto di svolta per superare l’impasse politica e il clima di incertezza che ne deriva”.

ICBPI Equity Research, daily report

Dopo la rielezione di Giorgio Napolitano a Presidente della Repubblica la formazione del nuovo governo appare imminente; così come sembra necessaria una terapia d’urto sul fronte delle riforme economiche.

ALESSANDRO GIANSANTI, strategist Ing

“Quello italiano è il mercato che si sta muovendo meglio questa mattina, anche rispetto ad altri paesi periferici come la Spagna. Il driver di questo rally mattutino sono senza dubbio le notizie politiche che arrivano dall’Italia e in particolare l’aspettativa che a questo punto c’è per la formazione di un governo. Diciamo che finora l’incertezza politica non aveva pesato in maniera troppo grave sull’Italia grazie ad un sentiment positivo degli investitori verso la periferia, come dimostrato anche dal successo dell’ultimo Btp Italia: ora il possibile venir meno di questa elemento di incertezza dà ancora più sostegno al debito italiano. L’eterogeneità della possibile nuova maggioranza di governo non rappresenta al momento un grosso fattore di rischio: l’Italia ha un deficit limitato e non deve fare manovre troppo correttive; d’altra parte altri paesi hanno già ricevuto dall’Ue il via libera ad una dilazione dei tempi delle politiche di rientro sui conti. Ora il focus principale degli investitori non è più sull’austerità ma sulle politiche di crescita”.

TRADER mercato azionario

“I mercati sono positivi perché il Napolitano-bis scongiura il rischio di elezioni anticipate favorendo la formazione di un governo appoggiato dai principali partiti”.

Claudia Cristoferi, Francesca Landini, Alessia Pé, Giulio Piovaccari Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below