17 aprile 2013 / 07:22 / tra 5 anni

Borsa Milano chiude in calo ma meglio di Europa, tengono banche

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude la seduta in ribasso in una giornata di particolare debolezza su tutto l‘azionario Europeo e Usa.

Un trader al lavoro. REUTERS/Charles Platiau

Operatori e trader non trovano ragioni specifiche sulle vendite ma citano una generale pressione legata a crescenti timori sulla crescita economica globale.

“Gli ultimi studi e le proiezioni sulla crescita dipingono una scenario molto debole e l‘azionario ne sta soffrendo in modo vistoso”, osserva un trader.

Il sentiment risente in particolare della forte lettera registrata sull‘indice tedesco Dax mentre non hanno sortito alcun effetto positivo sulle quotazioni azionarie le dichiarazioni del membro del board della Bce, Jens Weidmann, secondo cui la Bance centrale europea potrebbe abbassare i tassi di interesse ulteriormente se l‘economia continua a rallentare, ricorda il trader.

“Milano perde meno delle altre borse europee grazie alla sostanziale tenuta delle banche aiutate dal restringimento dello spread Btp/Bund, ma ci sono alti volumi sui derivati”, aggiunge.

Il FTSE Mib termina in calo dello 0,96% e l‘Allshare dello 0,97% con volumi per poco oltre due miliardi di euro.

In Europa il paniere benchmark FTSEurofirst cede l‘1,54% con il Dax che lascia sul terreno il 2,3%.

* Finanziari a doppia velocità con i bancari in sostanziale tenuta, a differenza del comparto europeo (-1,8%), mentre gli assicurativi sono venduti in linea con i concorrenti continentali.

Tra i primi MPS chiude a +0,2% ben sotto i minimi di giornata proseguendo il recupero dai minimi di aprile mentre il mercato ragiona su possibili risarcimenti legati al procedere delle indagini giudiziarie. [ID:nL5N0D41LK]

Positive anche INTESA SANPAOLO (+0,7%) e BANCO POPOLARE (+0,37%). In controtendeza spicca POP MILANO in calo del 2,1% con i broker che citano i timori che il progetto di trasformazione in SpA incontri degli ostacoli nella sua realizzazione.

“Con l‘avvicinarsi dell‘assemblea il mercato inizia a temere che i sindacati cerchino di ostacolare l‘esperimento innovativo di una popolare SpA che aveva tanto entusiasmato il mercato”, dice un trader.

* Nelle assicurazioni FONSAI, da oggi nell‘indice principale FTSE Mib al posto di IMPREGILO, perde il 2,9% e GENERALI il 2,6%

* TELECOM ITALIA chiude in calo del 2,6% nel giorno dell‘asseblea di bilancio. Nella mattina il titolo era stato sostenuto dalle indiscrezioni stampa in merito a un deciso ridimensionamento della valutazione di 3Italia che sarebbe emerso dalla due diligence in corso per una possibile integrazione. [ID:nL5N0D41C1]

* In forte ribasso BUZZI UNICEM (-5%) in un contesto settoriale europeo debole. Perdite di oltre il 5% per STM.

* Pesante PRYSMIAN sulla scia delle parole dell‘AD, che vede un mercato mondiale dei cavi in calo nel 2013. [ID:nL5N0D41HR]

* Giù FIAT (-1%) dopo la buona performance di ieri; i dati sulle immatricolazioni in Europa pubblicati oggi mostrano su anno un calo dell‘1,2% del gruppo italiano, che su mese ha perso quote di mercato. [ID:nL5N0D40HO]

Tra i titoli più piccoli pressione su RCS (-6,7%), mentre RECORDATI guadagna quasi due punti percentuali spinta dall‘annuncio dei dati sulle vendite del primo trimestre cresciute dell‘11,4%. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below