March 1, 2013 / 7:58 AM / 5 years ago

Borse Asia Pacifico poco mosse, cautela su dati Cina, Italia, Usa

TOKYO (Reuters) - L’azionario asiatico è poco mosso nella seduta odierna dopo alcuni dati macro dalla Cina non brillanti e sui persistenti timori per la situazione politica italiana e gli incombenti tagli alla spesa negli Usa.

L’indice dei direttori d’acquisto cinesi si è attestato a 50,1, leggermente al di sotto delle attese raccolte da Reuters.

“Se può essere confortante che l’economia cinese resti in territorio espansivo, il calo odierno dimostra che la ripresa è tutt’altro che lineare e che ci sono ancora alcuni ostacoli sul cammino”, spiega Tim Waterer, senior trader di CMC Markets.

L’indice Msci dell’Asia-Pacifico cede lo 0,12%. Tokyo, non compresa nell’indice, è salita dello 0,41% trainata dagli immobiliari.

Il dato sul Pmi cinese pesa su HONG KONG: l’indice che raccoglie le principali società cinesi quotate è in calo dello 0,68%. Debole PRADA.

SHANGHAI ha registrato gli scambi più intensi delle ultime due settimane.

TAIWAN mette a segno un rialzo di quasi un punto percentuale grazie ai titoli dell’auto e alimentari.

Anche SINGAPORE è in leggero rialzo mentre il produttore di olio di palma Golden Agri-Resources ha ceduto il 4% dopo aver annunciato utili del quarto trimestre crollati del 93% a causa dei prezzi deboli.

Debole SYDNEY con gli investitori che prendono beneficio soprattutto sui titoli ciclici dopo i recenti rialzi.

In lieve progresso MUMBAI. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below