25 ottobre 2012 / 11:13 / 5 anni fa

Mediaset corre dopo calo iniziale, mercato valuta mossa Berlusconi

MILANO (Reuters) - Mediaset corre in borsa dopo un calo iniziale in un mercato che fatica a calcolare l‘impatto del passo indietro in politica annunciato ieri da Silvio Berlusconi sulle aziende da lui controllate, e in particolare sull’“ammiraglia” televisiva.

Intorno alle 11,45 il titolo saliva del 2% a 1,43 euro dopo un minimo a 1,383 euro; i volumi erano quasi pari alla media di un‘intera seduta. Il mercato in generale è positivo, mentre il settore media in Europa soffre anche a causa del warning sui ricavi annunciato da WPP.

A Madrid è intanto passata in positivo anche la controllata Mediaset Espana, che ha annunciato ieri a mercati chiusi un trimestre debole ma migliore delle attese in termini di utile grazie a un incisivo lavoro sui costi e a benefici fiscali.

Per Mediaset un trader parla di “ricoperture”, innescate a suo parere dalle ricostruzioni stampa secondo cui l‘ex premier sarebbe stato spinto a rinunciare a candidarsi alle prossime elezioni “per salvaguardare le proprie aziende”.

Un analista mette in luce invece come Mediaset abbia iniziato ieri un recupero dopo aver toccato il supporto di 1,35 euro. “Oggi il titolo prosegue su questa strada, con target in area 1,5-1,55 euro”: una “tendenza rialzista di breve che si inserisce in un trend ribassista di medio periodo”.

ANALISTI DIVISI SU IMPATTO IN BORSA USCITA BERLUSCONI

Gli analisti si sono spesso interrogati su come calcolare l‘impatto borsistico delle sorti politiche di Berlusconi. “Ci sono sempre state due teorie: c‘è chi pensa che il tramonto anagrafico e politico di Berlusconi possa avere un effetto estremamente penalizzante per le sue aziende e chi ritiene che invece possa coincidere con una sorta di pacificazione e normalizzazione, con ricadute positive sotto il profilo industriale”, dice Claudio Aspesi, analista di Bernstein.

Il maggior ‘rischio politico’, secondo l‘analista, è “una legislazione meno favorevole a Mediaset di quanto non sia stata in passato, che per esempio vada in direzione di una redistribuzione degli investimenti pubblicitari verso la carta stampata”. E’ difficile immaginare però, sottolinea, che il titolo incorporasse un premio nell‘ipotesi di una sua vittoria elettorale viste le difficoltà in cui si trova da tempo il centro-destra. “Può essere che l‘ufficializzazione del passo indietro di Berlusconi - che a mio giudizio è capacissimo di cambiare idea - abbia comunque un peso sull‘andamento odierno del titolo”.

“E’ sempre difficile valutare l‘effetto Berlusconi sui titoli delle sue aziende”, dice un altro analista. “Io propendo per l‘idea che una minore esposizione mediatico-politica di Mediaset abbia un effetto neutro-positivo; avrebbe più libertà, ad esempio, per lavorare su tagli ed efficienze”.

RACCOLTA SPAGNA -30% OTTOBRE, ADREANI TRATTA CON AMAZON

I nove mesi di Mediaset Espana, dice in una nota Mediobanca, confermano “la tempesta in corso sul fronte della pubblicità”, con un calo a ottobre visto nell‘ordine del 30% e un parziale miglioramento atteso a novembre-dicembre. La società ha alzato il target di taglio costi, ma secondo Mediobanca altri risparmi potrebbero essere necessari.

Lo studio di Piazzetta Cuccia mette in luce anche un‘intervista dell‘AD di Mediaset e Publitalia Giuliano Adreani rilasciata oggi a Prima Comunicazione, in cui il manager parla di “trattativa molto avanzata” con Amazon per raccogliere la pubblicità della sua offerta video. “Anche se è troppo presto per dire se e quando verrà firmato un accordo, sottolineiamo che avrebbe un impatto trascurabile sui ricavi del gruppo, non sufficiente per oscurare il trend negativo della raccolta che sta affrontando Mediaset”, dice la nota.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below