5 ottobre 2012 / 07:28 / tra 5 anni

Toyota, crollo vendite in Cina dopo disputa territoriale

PECHINO (Reuters) - Le vendite in Cina della Toyota sono crollate del 40% a settembre rispetto a un anno prima, mentre quelle dei concorrenti come Hyundai e BMW sono cresciute, un dato che sottolinea quanto sia stato colpito il marchio giapponese dalla disputa territoriale in corso tra Cina e Giappone.

Le visite negli showroom e le vendite nel produttore di auto giapponese sono cadute da quando violente proteste e richieste di boicottaggio dei prodotti giapponesi sono esplose in Cina a metà settembre per l‘acquisto da parte del governo del Giappone da proprietari privati di un gruppo di isole del Mar della Cina orientale.

Una prolungata flessione delle vendite su questa scala potrebbe minacciare le prospettive di profitto di Toyota, Nissan e altri dato che la Cina, il maggiore mercato mondiale per l‘auto, copre la parte maggiore delle loro vendite globali.

Toyota ha venduto circa 50.000 auto in Cina a settembre, ha detto a Reuters un alto dirigente della compagnia, chiedendo di non essere citato.

Il dato mostrerebbe dunque una flessione dalle circa 86.000 del settembre 2011 ma sarebbe migliore rispetto ai dati riportati in precedenza dal quotidiano giapponese Yomiuri, che parlava di dimezzamento delle vendite rispetto alle 75.000 vetture di agosto. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below