3 ottobre 2012 / 08:58 / tra 5 anni

Grilli: Tesoro esclude cessioni sue quote Eni, Enel

ROMA (Reuters) - Il governo non ha intenzione di cedere la propria quota residua in Eni ed Enel a fronte della necessità di garantire l‘approvvigionamento energetico, secondo il ministro dell‘Economia Vittorio Grilli.

Il ministro dell'Economia Vittorio Grilli in una foto di archivio nella quale era ancora vice ministro al G20 in Messico. Città del Messico, 26 febbraio 2012. REUTERS/Bernardo Montoya

“Le garanzie di approvvigionamento non consigliano le dismissioni della partecipazione residua in Eni e Enel”, ha detto Grilli nel corso di una audizione parlamentare sul Def.

Il Tesoro controlla il 31,244% di Enel e direttamente il 3,93% di Eni, mentre tramite Cdp un altro 27,369%. Cdp è controllata al 70% dal ministero dell‘Economia.

Giuseppe Fonte Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below