July 23, 2012 / 7:31 AM / 6 years ago

Btp sopra minimi, spread a 516 punti, preoccupazioni per Spagna

MILANO (Reuters) - Il mercato obbligazionario italiano chiude una seduta pesantissima riducendo le perdite iniziali, ma rimanendo su livelli non visti dalla metà di gennaio scorso.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente del Consiglio Mario Monti lo scorso 4 luglio a Villa Madama,. per il vertice italo-tedesco. REUTERS/Max Rossi

I timori sono soprattutto per la Spagna nel suo complesso, oltre che per il suo sistema bancario e per le sue singole regioni, ma le pressioni si stanno propagando anche sull’Italia, dall’obbigazionario all’azionario.

Un certo sollievo in borsa è arrivato con la decisione della Consob di vietare le vendite allo scoperto di assicurativi e bancari per tutta la settimana e anche l’obbligazionario ha reagito con un lievissimo miglioramento. Analogo provvedimento è stato preso in Spagna per tre mesi.

“La situazione è di nuovo critica”, dice un dealer che guarda con preoccupazione alle aste in arrivo in Italia nei prossimi giorni. “La curva dei rendimenti dei titoli spagnoli è quasi piatta e quella sui Btp si sta anch’essa appiattendo sempre più”. Il ministro dell’Economia spagnolo, Luis de Guindos, incontrerà domani a Berlino il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble.

Anche il fronte greco desta preoccupazione: il Fondo monetario internazionale ha detto che domani incontrerà le autorità greche per discutere di come “rimettere in carreggiata” il programma economico del Paese. Mentre il portavoce del ministero delle Finanze tedesco ha in sostanza smentito la notizia, riportata dal settimanale tedesco Der Spiegel, di presunti segnali di una mancata partecipazione del Fmi a nuovi aiuti alla Grecia.

“Ciò che più inquieta gli investitori è che il mercato è in caduta tra scambi rarefatti senza che ci siano vere notizie o decisioni”, dice un dealer.

Monti - in visita a Mosca - ha fatto cenno alla situazione dicendo che non è ancora il momento di un summit straordinario Ue, nè di fondi freschi nell’economia da parte della Bce.

Sulla piattaforma Tradeweb, lo spread Btp/Bund, che ha visto stamane un massimo a 529,8 punti base, il livello più alto dall’11 gennaio scorso (531,8 pb) dai 501 della chiusura di venerdì, stasera chiude in area 516 punti base.

Parallelamente il rendimento sul decennale italiano, che ha visto un massimo a 6,433%, il livello più alto dal 18 gennaio scorso, dal 6,16% di venerdì stasera quota 6,34%.

I dealer guardano come soglie critiche il livello del future sui Btp a 96,20 e il rendimento del decennale a 6,50%.

Ancora più preoccupanti sono le vendite sul tratto a breve della curva, la prima eventualmente a risentire di un peggioramento del quadro, con il Btp a due anni che ha visto stamane un picco a 4,78%, il massimo dall’11 gennaio scorso, per poi chiudere stasera a 4,70%.

L’attenzione va anche alle prossima aste italiane.

La novità in questa tornata è il concambio di mercoledì, con cui il Tesoro propone il riacquisto di una serie di BTPei (usciti da alcuni indici di Barbalys dopo il downgrade di Moody’s dell’Italia) in cambio di Btp maggio 2017.

Ciò avrà come conseguenza - secondo i dealer - che molto difficilmente si terrà giovedì l’asta sui BTPei [l’annuncio lo stesso mercoledì sera), lasciando per quel giorno la sola asta di Ctz. Venerdì si terrà poi l’asta dei Bot semestrali, mentre il lunedì successivo sarà la volta dell’altro Btp a 5 anni (il giugno 2017) oltre al decennale. “Sarà da osservare più avanti la reazione del mercato al doppio intervento sul comparto dei quinquennali” commenta un dealer.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below