18 luglio 2012 / 07:39 / tra 5 anni

Borsa Milano chiude in rialzo, forte calo di Snam, balza Stm

Operatori di mercato davanti all'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

MILANO (Reuters) - Piazza Affari ha chiuso in territorio positivo sulla scia del miglioramento registrato da Wall Street e di alcuni dati americani leggermente migliori delle attese, con alcune buone trimestrali che danno sostegno all‘intero azionario europeo.

L‘indice Ftse Mib ha chiuso in rialzo dello 0,43%, l‘Allshare ha ceduto lo 0,22%, mentre il Midcap ha lasciato sul terreno l‘8,09%, zavorrato da Unipol e Fonsai. L‘indice paneuropeo FTSEurofirst 300 segna +1,06%.

Sulla piazza milanese, volumi estivi, per un controvalore di 1,26 miliardi di euro circa.

* SNAM è stata la peggiore fra le blue chip: ha perso il 4,76% a 3,358 euro, con volumi pari a oltre cinque volte la media giornaliera degli ultimi trenta giorni. Il titolo è stato penalizzato dalle vendite da parte degli istituzionali che oggi hanno acquisito il 5% della società nell‘accelerated bookbuilding da parte di Eni al prezzo di 3,43 euro per azione. “Il ribasso potrebbe essere causato da chi si sta già rivendendo le azioni sul mercato”, spiega un analista.

* Per contro ENI ha guadagnato il 2% sulla scia dell‘incasso di 612,5 milioni a seguito della cessione della quota.

* Banche senza una direzione precisa. MPS ha registrato le maggiori perdite, con un ribasso del 2,78%. Debole anche UNICREDIT (-0,93%). Tonica invece INTESA SP, salita del 2%. Lo stoxx europeo di settore segna +0,82%.

* FONSAI, sotto aumento di capitale, ha ceduto quasi il 44% dopo l‘exploit di ieri (+89,5%). I diritti hanno perso il 10,95%. La ricapitalizzazione pesa anche su UNIPOL (-3,23%). Calo decisamente più accentuato per i diritti (-25,64%).

* STM ha guadagnato il 6,53% sulla scia delle rassicurazioni sul secondo semestre date dai dirigenti di ST-Ericsson, la joint venture che ha con Ericsson, all‘indomani di risultati migliori delle attese. Il titolo ha trovato inoltre sostegno nei risultati migliori del previsto presentati dall‘olandese ASML. In forte rialzo l‘intero settore a livello europeo.

* Persiste la debolezza su A2A, che oggi ha toccato un nuovo minimo storico a 0,3472 euro.

* Rimbalza MEDIASET (+4,6%) sulla notizia che il gruppo sta lavorando a un incremento del taglio dei costi triennale a 400 milioni da 250 milioni indicati un anno fa, come riferito da fonti sindacali. “Notizia positiva e superiore alle attese”, spiega un trader.

* Fra i minori svetta OLIDATA (+2,34%) dopo che ieri il Tar del Lazio ha respinto la richiesta di sospensiva per l‘aggiudicazione di una gara Consip dal valore di 31,3 milioni.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below