July 6, 2012 / 11:14 AM / 6 years ago

Finmeccanica, entro anno almeno 1 cessione tra trasporti,energia

di Paolo Biondi

Il quartier generale di Finmeccanica. REUTERS/Max Rossi

ROMA (Reuters) - Finmeccanica si presenta al tradizionale appuntamento del salone aerospaziale di Farnborough domenica prossima con le idee più chiare sul piano industriale e più vicina all’obiettivo di realizzare entro l’anno 1 miliardo da dismissioni non-core.

L’incontro di ieri dei vertici di Finmeccanica con le autorità politiche liguri sul futuro di Ansaldo Energia ha mostrato infatti le difficoltà a trovare una cordata locale per rilevare l’azienda e quindi ha liberato la strada per stringere un accordo con i tedeschi di Siemens che hanno già mostrato interesse per l’azienda.

Lo dicono a Reuters fonti vicine all’operazione aggiungendo che “ora è più vicina l’ipotesi che entro l’anno Finmeccanica riesca a chiudere almeno una delle due dismissioni programmate nei settori trasporti ed energia”.

La stessa fonte e altre industriali confermano che ci sono contatti in corso con Siemens nel settore energia e con i giapponesi di Hitachi nel settore trasporti.

Sul futuro delle aziende del settore energia e trasporti di Finmeccanica si è tenuto ieri a Genova un incontro del presidente e Ad Giuseppe Orsi e del Dg Alessandro Pansa in rappresentanza di Finmeccanica con Claudio Burlando, governatore della Liguria, Marco Doria, sindaco di Genova, e con Piero Fossati, commissario per la provincia.

L’INCONTRO DI IERI FRA ORSI, PANSA E BURLANDO, DORIA

Al termine della riunione solo un generico comunicato congiunto. Ma, secondo quanto detto a Reuters da fonti vicine alla riunione, “non è emersa alcuna cordata locale di cui si era parlato nei giorni scorsi per Ansaldo Energia, quindi la strada per la cessione a Siemens sembra ora spianata”.

Già nei giorni scorsi al Secolo XIX Burlando aveva dichiarato: “In questo momento non dobbiamo chiudere le porte, sarebbe da irresponsabili. Il presidente di Siemens Peter Loescher ha chiesto un incontro con me e con il sindaco Doria”.

Secondo le fonti, all’incontro di ieri la Siemens non sarebbe stata citata ma, a questo punto, le trattative di Finmeccanica con i tedeschi prosegono, come scrive oggi anche il quotidiano economico tedesco Handelsblatt. Il quotidiano tedesco aggiunge che hanno Siemens avrebbe fretta a chiudere: “Siemens vuole affrettarsi a metterci un piede dentro”.

Sempre secondo le fonti e secondo quanto scritto anche dal Sole 24 Ore ieri, la valorizzazione complessiva di Ansaldo Energia sarebbe intorno a 1,3 miliardi di euro. Calcolando che la società è oggi controllata da Finmeccanica al 55% e al 45% dal fondo statunitense First Reserve (che acquistò la quota per 500 milioni), l’incasso dalla cessione per Finmeccanica potrebbe essere di circa 6-700 milioni.

Il rapporto con i tedeschi è storico. Ansaldo comprò proprio dalla Siemens, all’inizio degli anni 90, la licenza di base per la sua turbina a gas che poi ha sviluppato in maniera autonoma raggiungendo livelli d’ccellenza. “Ora però servono nuovi investimenti, che Finmeccanica non può permettersi di fare in un settore non-core”, dice una delle fonti.

LA PREOCCUPAZIONE DI GOVERNO E AMMINISTRATORI

Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha questa mattina alla camera confermato che il governo accompagna il piano di dismissioni di Finmeccanica, aggiungendo che è sensibile anche alle premure di sindacati e amministratori locali perché le società e le maestranze possano rimanere in Italia.

A tale proposito si era tentato la cordata locale, ma “Burlando e Doria non sono riusciti nell’impresa”, dice una delle fonti. A questo punto pare anche difficile “l’altra ipotesi del coinvolgimento di Cdp che necessiterebbe comunque di un partner industriale”.

Tale partner, secondo un’altra fonte, potrebbe essere costituito dai dirigenti dell’azienda, con un management buyout, ma l’ipotesi non pare tecnicamente fattibile in tempi rapidi, ragione per cui sarà presumibilmente accelerata la trattativa con Siemens, ipotesi su cui convergono tutte le fonti.

LE ALTRE DISMISSIONI

Più complessa la vicenda della cessione del settore trasporti. Secondo quanto dichiarato nei mesi scorsi da sindacalisti, Hitachi sarebbe già alla due diligence per Ansaldo Breda e nella cessione potrebbe rientrare anche Ansaldo Sts.

L’ipotesi di uno scontro tra Orsi e Pansa sul futuro delle divisioni trasporti viene smentita a Reuters da una fonte aziendale: “Sul piano industriale e finanziario vanno di pari passo, come conferma la presenza congiunta dei due manager all’incontro di ieri a Genova e l’unità d’intenti espressa”.

Il piano industriale di Finmeccanica prevede la cessione di asset per 1 miliardo entro l’anno. Il 31 maggio scorso è stato raggiunto un accordo per la cessione al Fondo strategico italiano (Fsi) della quota del 15% detenuta da Finmeccanica in Avio. Secondo fonti del settore la dismissione dovrebbe portare 150-200 milioni. Finmeccanica ha anche annunciato di voler cedere attività no core della controllata statunitense nel settore dell’elettronica per la difesa Drs.

- Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below