July 6, 2012 / 7:19 AM / in 6 years

Btp in calo, spread decolla su Draghi fino a 473pb,attesa lunedì

MILANO (Reuters) - I Btp archiviano in calo una seduta nervosa, in cui gli spread hanno risentito della delusione legata alle parole del presidente della Bce Mario Draghi responsabili, secondo gli operatori, di aver riportato il differenziale Italia/Germania ai livelli precedenti il consiglio europeo.

Biglietti da 500 euro. REUTERS/Lee Jae-Won

“Draghi nel complesso è stato deludente, in particolare l’accento posto sulla riluttanza della Bce a conferire licenza bancaria al fondo salva-stati non fa che ribadire la portata limitata che il fondo potrà dare all’Europa” dice Matteo Regesta, strategist di Bnp Paribas. Il mercato ha infatti interpretato queste parole come un paletto all’accordo Ue.

Si era infatti creata negli investitori l’idea che i fondi salva-stati potessero finanziarsi direttamente presso la Bce, ma le dichiarazioni di Draghi hanno annullato questa speranza.

“L’Ue ha perso un’opportunità molto, molto grande... Le cose si fanno peggiori per le periferie” dice Gianluca Ziglio, strategist di Ubs.

Anche il quadro generale in cui si terrà, lunedì prossimo, la riunione dell’Eurogruppo non è dei più rosei.

“Dopo l’entusiasmo generato dal consiglio europeo lo scorso week-end, sarà più probabile incappare in una delusione lunedì prossimo” dice ancora Regesta. “Quello che di buono potrebbe emergere dal summit è una maggiore chiarezza sulle scadenze relativa alla supervisione bancaria che la Bce dovrà gestire entro fine anno”.

Nella riunione del 9 luglio, i ministri delle Finanze della zona euro dovranno infatti definire con più precisione i progressi compiuti dal summit europeo di fine giugno sia per quel che riguarda l’uso del fondo salvastati per calmierare gli spread tra titoli di Stato, sia per l’affidamento della sorveglianza bancaria alla Banca centrale europea [ID:nL6E8I64XO].

Dopo gli effetti positivi dell’approvazione lo scorso week-end del meccanismo taglia-spread, i rendimenti dei paesi periferici hanno però ripreso la via della salita. Accanto alle cautele della Germania infatti, anche Finlandia e Olanda hanno mostrato perplessità sull’accordo raggiunto nell’ambito del consiglio europeo sulla possibilità di usare il fondo di salvataggio della zona euro per alleggerire le pressioni sul debito dei paesi in difficoltà.

Il rendimento del decennale spagnolo è salito in seduta sopra il 7% fino a un massimo di 7,061% e il rendimento del due anni tedesco ha registrato un’incursione in territorio negativo, fino a -0,009%.

Il differenziale fra i tassi dei decennali di riferimento italiano e tedesco ha raggiunto i 473 punti base, livello che non vedeva dalla scorsa settimana prima dell’accordo Ue nell’ambito del Consiglio europeo. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below