19 giugno 2012 / 07:23 / tra 5 anni

Btp chiudono in rialzo con appetito rischio, spread sotto 440

Biglietti da 500 euro. REUTERS/Lee Jae-Won

MILANO (Reuters) - I principali benchmark Btp archiviano in rialzo una seduta caratterizzata da spiccata volatilità dovuta alla scarsità degli scambi e dall‘attesa dei prossimi eventi internazionali. Sul mercato è tornato comunque a intravedersi un certo appetito di rischio, con rialzo dell‘azionario e calo del Bund, ma resta da vedere se questa tendenza verrà mantenuta nelle sedute a venire. L‘azionario europeo appare quindi tonico, con Milano che svetta con un rialzo di oltre il +3%.

“E’ la tipica situazione ‘risk-on’ con appetito per asset a più alto rendimento. Si è determinata dopo l‘asta spagnola, driver che di per sé non giustifica un‘intera seduta. Credo che il mercato abbia colto il là per poi intonare un interesse verso i titoli più rischiosi” dice una trader. “Gli investitori d‘altra parte erano troppo corti di Italia e Spagna, e hanno visto adesso dei buoni livelli di rendimento per tornare”.

“Resta da dire che, anche se gli acquisti sono reali, la liquidità è fortemente ridotta, quindi basta poco a determinare certi movimenti” dice ancora la trader.

Il Bund nel pomeriggio ha ampliato il calo già registrato in mattinata, zoppicando rispetto ai titoli del Tesoro Usa. Il futures a settembre sul decennale tedesco di riferimento è oscillato fra 141,26 punti base, minimo toccato a ridosso della chiusura, e 142,95, dopo un‘apertura a 142,64.

“Ci sono state grosse vendite di Bund contro Treasurues fuori degli Usa” ha detto un altro trader in relazione al calo del mercato europeo ‘core’ per eccellenza.

Che gli ivestitori siano comunque in attesa dei prossimi eventi internazionali è idea diffusa. Venerdì prossimo 22 il presidente del Consiglio Mario Monti incontrerà infatti a Roma i capi dei governi tedesco, francese e spagnolo. In Lussemburgo giovedì si tiene invece la riunione dell‘Eurogruppo e l‘indomani il vertice Ecofin. A fine mese, 28 e 29 giugno, si tiene invece il Consiglio europeo.

Lo spread fra i tassi dei decennali di riferimento italiano e tedesco è oscillato stamane fra 473 e 438 punti base, minimo toccato non lontano dalla chiusura. Il restringimento è stato avviato in mattinata in seguito al calo dei Bund dopo le aste spagnole che hanno registrato una buona domanda, sebbene con un balzo dei rendimenti. Madrid ha collocato titoli a 12 e 18 mesi per 3,04 miliardi totali con bid-to-cover in rialzo.

Sul primario si è mossa oggi anche la Grecia, con il collocamento di bond trimestrali per 1,3 miliardi di euro, con tassi in lieve calo.

“Gli operatori si aspettano dal vertice la creazione di una strategia europea credibile” ha detto Matteo Regesta, strategist di Bnp Pribas. “L‘idea è anche che da qui al summit la Bce cercherà di non intervenire per responsabilizzare il fronte politico”. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below