18 giugno 2012 / 13:38 / 5 anni fa

Unipol/Fonsai, sindacato agenti Sna teme 3.500 tagli

ROMA (Reuters) - La fusione fra Unipol e Fonsai potrebbe provocare la perdita di 3.500 posti di lavoro.

Lo dice Claudio Demozzi, presidente dello Sna, il sindacato degli agenti assicurativi, che annuncia per il 21 giugno un presidio della propria organizzazione sotto la sede di Fonsai a Torino.

Il Sindacato nazionale agenti, spiega il sindacalista in una nota, “non potrà tollerare che tanti onesti professionisti possano venire scambiati, o peggio ancora rottamati, per seguire logiche di risanamento finanziario, che non considerano prioritaria la salvaguardia delle reti agenziali e dei posti di lavoro”.

Le notizie che si rincorrono in questi giorni sul destino del gruppo Fonsai, spiega ancora la nota, “parlano di provvedimenti che potrebbero passare sopra le teste degli intermediari mietendo un numero imprecisato di vittime. Secondo le nostre peggiori stime circa 3.500 posti di lavoro sarebbero a rischio”.

Nello scambio di documenti avuto con l‘Antitrust, il gruppo Unipol ha fatto sapere che, per ottenere il via libera alla fusione con Fonsai, ridurrà la quota di mercato del nuovo gruppo vendendo o riducendo attività.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below