8 giugno 2012 / 07:59 / 6 anni fa

Fonsai, strada Unipol in salita, con Sator-Palladio restano Ligresti

di Andrea Mandalà

MILANO (Reuters) - La strada di Unipol verso la fusione con il gruppo Premafin-Fonsai si è complicata con la nuova offerta di Sator e Palladio e la dichiarazione resa da Jonella e Paolo Ligresti di non voler rinunciare alla manleva e al recesso.

Il comitato indipendenti di Premafin, tuttavia, riunitosi stamattina, è orientato a dare invece un parere favorevole al piano Unipol, come comunicato da un consigliere indipendente. Il parere è vincolante ma spetterà al Cda di domenica assumere la decisione definitiva.

La comunicazione dei fratelli Ligresti, che secondo una fonte vicina alla famiglia è condivisa anche dalla sorella Giulia e dal padre Salvatore, ha colto di sorpresa alcuni consiglieri di Premafin, che oggi non erano stati informati del rinvio del consiglio a domenica e si sono ugualmente recati nella sede della holding.

Secondo una fonte vicina alla situazione i Ligresti sono convinti che l‘offerta di Sator e Palladio sia migliorativa, rispetto a Unipol, e quindi vada accettata. Ciò spiegherebbe il comunicato di stamane che di fatto chiude la porta a Unipol visto che la rinuncia a manleva e al recesso è la condizione per ottenere l‘esenzione dall‘obbligo di Opa da Consob.

La proposta dei due fondi, peraltro, non muta la struttura proprietaria del gruppo lasciando i Ligresti nell‘azionariato di Fonsai. “L‘operazione appena annunciata dai fondi non cambia la struttura proprietaria, lasciando immutata l‘attuale con la presenza forte della famiglia nell‘azionariato e nei ruoli aziendali”, osserva infatti una fonte senior vicina alla situazione.

Nella partita gioca un ruolo però preponderante il fattore tempo, con il rischio sempre più reale di un commissariamento di Fonsai e il fallimento di Premafin. Le banche creditrici della holding hanno subordinato il piano di ristrutturazione del debito da 368 milioni al buon esito dell‘operazione con Unipol. In caso contrario sono pronte a escutere il pegno sulle azioni Fonsai.

Un eventuale commissariamento di Fonsai, invece, non avrebbe effetti sul prestito subordinato da 1,1 miliardi che Mediobanca che resterebbe performing, secondo un‘altra fonte.

Martedì si riunisce l‘assemblea di Premafin per approvare il bilancio 2011, cosa non possibile in situazione di continuità aziendale senza l‘ok delle banche al piano sul debito. L‘altro punto all‘ordine del giorno è l‘aumento di capitale riservato a Unipol ed è un nodo cruciale perché si verificherà come voteranno i Ligresti, che controllano la holding con circa il 50%.

Intanto Unipol ha ribadito la disponibilità ad andare avanti secondo i termini e le condizioni communicate il 6 giugno scorso. Per dettagli [ID:nL5E8H87U5]

D‘altro canto Fondiaria-Sai e Milano Assicurazioni proseguono nella valutazione della proposta Unipol secondo la tabella di marcia fissata, come spiegato dall‘AD Emanuele Erbetta che ha confermato che oggi si sono riuniti anche i comitati indipendenti delle due compagnie. [ID:nL5E8H881K]

SATOR E PALLADIO AGGIUSTANO PREZZO AUMENTO

L‘offerta annunciata stamani da Sator e Palladio è in realtà simile a quella precedente del 9 maggio prevedendo un aumento di capitale di Fonsai non inferiore a 800 milioni che permetterebbe alla compagnia di raggiungere un margine di solvibilità, sulla base dei dati del primo trimestre, del 120%.

La parte loro riservata è pari a 400 milioni con un range di prezzo tra 2 e 2,5 euro per azione, contro i 300-400 milioni previsti nella proposta precedente a un prezzo tra 1,5 e 2,5 euro. Un importo non inferiore a 400 milioni sarà offerto in opzione ai soci Fonsai a un prezzo non superiore alla metà del prezzo determinato per la tranche riservata.

Sator e Palladio sottoscriverebbero la loro quota dell‘aumento attraverso una Newco che verrà ricapitalizzata “esclusivamente mediante mezzi propri e il cui capitale sarà detenuto pariteticamente”. Anche la sottoscrizione in opzione sarà coperta con fondi propri da parte dei due investitori sia “eventualmente di terzi che hanno manifestato interesse all‘operazione”.

Ipotizzando un prezzo per l‘aumento in opzione pari alla metà di quello riservato, Premafin verrebbe a detenere post ricapitalizzazione una quota di Fonsai tra il 14-16% e 22-25% a seconda se sottoscriverà o meno la quota di propria spettanza.

Attualmente Premafin detiene il 35,7% di Fonsai.

RICERCA DI UN FINANZIATORE PER PREMAFIN

La proposta prevede la possibilità per Premafin di partecipare all‘aumento con un finanziamento assistito da una garanzia di rimborso privilegiato rispetto ai debiti esistenti.

A questo riguardo Palladio e Sator “sono disponibili a supportare Premafin nella individuazione di una idonea istituzione finanziaria e/o investitore professionale” che si impegna a finanziarie la holding nell‘operazione.

Questo, sostengono i due fondi, “potrebbe consentire a Premafin di avere un valore del proprio attivo in linea con il proprio indebitamento netto e sostenere un piano di ristrutturazione del debito ex art.67 che preveda il semplice riscadenziamento dell‘attuale posizione debitoria agli stessi termini e condizioni del primo finanziamento senior previsto nel piano di risanamento di Premafin attualmente in corso di approvazione”.

Il Cda di Fonsai ha dieci giorni di tempo per comunicare la disponibilità a valutare l‘offerta e, in caso di risposta positiva, entro i successivi quindici giorni si potrà proseguire a definire gli altri termini dell‘operazione tra cui “la promozione del consorzio di garanzia per il buon esito dell‘aumento di capitale in opzione”.

I due fondi si sono detti comunque disponibili a valutare modifiche dei termini dell‘operazione sulla base di eventuali richieste delle Autorità.

A Piazza Affari gli ultimi colpi di scena hanno infiammato i titoli della galassia Ligresti. Fonsai ha chiuso a +11,58%, segna +10%, Premafin a +9,08% e Milano Assicurazioni a +4,33%. Per tutte e tre volumi ben sopra la media mensile. Unipol ha chiuso a +3,54%, con volumi quasi tre volte la media.

- Hanno collaborato Gianluca Semeraro e Paola Arosio Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below