June 5, 2012 / 7:24 AM / in 6 years

Btp chiude in lieve rialzo seduta di attesa, spread a 440 pb

MILANO (Reuters) - Il mercato obbligazionario italiano chiude in leggero rialzo una seduta interlocutoria in attesa di indicazioni dalle autorità europee per uscire dalla crisi.

Euro in banconote da diversi tagli. REUTERS/Kacper Pempel

Indicazioni che non sono venute oggi dall’attesa conference call tra i leader del G7. Chiusa la call, i commenti sono stati molto asciutti. Prima il ministro delle finanze giapponese si è limitato a dire che i responsabili del G7 si sono accordati per lavorare insieme sui problemi che riguardano Spagna e Grecia [ID:nL5E8H55IS]. Poi il Tesoro Usa ha ripetuto che hanno discusso dei progressi verso l’unione finanziaria e di bilancio in Europa.

“Non è emerso nulla di concreto. Il mercato vuole azioni. Potrebbero attendere la chiusura del mercato europeo” dice un dealer. “Il mercato sta alla finestra. Meglio non muovere le posizioni. C’è ancora la speranza che qualche soluzione venga trovata”.

In chiusura sulla piattaforma TradeWeb il premio di rendimento del decennale rispetto al tedesco luglio 2022 è indicato in area 440 pb, in leggero restringimento dai 445 punti base della chiusura di ieri.

Il tasso del dieci anni italiano, sempre secondo i dati TradeWeb, è pari a 5,64% da 5,670% ieri.

Molto tranquilla anche la raccolta ordini per il Btp Italia indicizzato all’inflazione italiana che ha totalizzato oggi 370,9 milioni, raggiungedo un totale di raccolta nei primi due giorni di quasi 600 milioni.

Rimangono accesi i riflettori sulla Spagna e sulle difficoltà del suo sitema bancario. Oggi il ministro del Tesoro spagnolo Cristobal Montoro ha detto che i costi di finanziamento attuali dimostrano che i mercati hanno chiuso la porta alla Spagna e quindi l’Unione Europea dovrebbe aiutare Madrid a ricapitalizzare le banche.

Un test importante sarà giovedì con le aste su titoli di stato a medio e lungo termine fino a 2 miliardi di euro.

Lo spread Spagna/Germania, che aveva toccato un massimo storico a 548 punti base venerdì scorso, oggi quota a cavallo dei 500 pb.

Che l’incertezza stia aumentando lo si vede anche dalle richieste al p/t stamane della Bce, chiuso per più del doppio rispetto alla scadenza, mentre il tasso euribor a tre mesi è seppur impercettibilmente salito (a 0,663% da 0,664%) in un trend che da mesi è al ribasso.

“Qualsiasi azione sul mercato è rinviata almeno a domani se non addirittura a fine mese” dice un altro facendo riferimento da una parte al meeting della Bce, dall’altra al summit Ue del 28-29 giugno.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below