2 maggio 2012 / 12:22 / 5 anni fa

Spagna sonda banche, adviser immobiliari su opzioni crisi

LONDRA (Reuters) - La Spagna sta sondando banche d‘affari quali Credit Suisse, Goldman Sachs e UBS alla ricerca di una medicina credibile in grado di sanare il proprio sistema bancario, destabilizzato dal collasso dei prezzi immobiliari che adesso minaccia l‘affidabilità creditizia stessa del paese.

Una bandiera della Svizzera davanti ad una sede della Credit Suisse a Zurigo. REUTERS/Arnd Wiegmann

Lo riferiscono a Reuters fonti vicino al dossier.

Madrid ha più volte ripetuto che non chiederà gli aiuti dell‘Unione Europea o del Fondo monetario internazionale per risolvere i problemi delle proprie banche, colpite da miliardi di euro di perdite dopo lo scoppio, nel 2008, di una bolla immobiliare durata un decennio. La banca centrale ha invece avviato consultazioni sull‘ipotesi di creare una holding che valorizzi e dismetta gli asset immobiliari nel bilancio agli istituti di credito.

Secondo alcuni banchieri, le istituzioni in corsa per offrire la proprio consulenza alla Spagna sono quelle che hanno creato il National Asset Management Agency (Nama) irlandese - un modello a cui Madrid potrebbe ricorrere - o quelle che hanno curato la ristrutturazione del debito greco a inizio anno.

Lazard, Blackstone e BNP Paribas sono stati consulenti di Atene nella ristrutturazione del debito greco. Goldman Sachs e Bank of America sono stati tra i principali consulenti dell‘Irlanda. Anche Credit Suisse, UBS, Citigroup, JP Morgan, Rothschild [ROT.UL], Nomura e Deutsche Bank hanno partecipato all‘attività dei governi nel corso della crisi finanziaria.

“Stanno discutendo di alcune idee e sono incoraggiati a farlo dal Fondo monetario internazionale”, ha detto Pierre-Yves Bonnet, global head of financial institutions group di Societe Generale.

“Ma si tratta di una decisione molto politica perchè significa innanzitutto ammettere di aver sottostimato le svalutazioni necessarie”.

I consulenti immobiliari dovrebbero innanzitutto determinare quanto il governo dovrebbe accantonare per una “bad bank”. Secondo i banchieri, la selezione di un consulente bancario per la creazione e il lancio di una “bad bank” sarebbe un pasaggio politicamente impegnativo che potrebbe avvenire solo in un secondo tempo.

Madrid ha ridimensionato l‘ipotesi di creare una “bad bank” simile a Nama ma, secondo le fonti, funzionari del governo spagnolo hanno avuto colloqui informali con almeno quattro consulenti immobiliari per avere maggiori informazioni sui meccanismi di funzionamento del Nama.

“E’ stato fatto con discrezione a cena o con approcci avvenuti in occasione di fiere”, ha detto una fonte.

Consulenti immobiliari che comprendono Cbre, Savills, DTZ e Knight Frank sono stati consulenti di quello che viene giudicata, da molti esponenti del settore immobiliare, l‘esperienza di successo irlandese. Anche altri, incluso Jones Lang La Salle, secondo alcune fonti, dovrebbero aver avuto colloqui con Madrid.

Cbre, Jones Lang LaSalle, Knight Frank e Savills non hanno voluto rilasciare commenti. DTZ non è stata raggiungibile per un commento.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below