30 aprile 2012 / 07:18 / 6 anni fa

Borsa chiude in calo, spread sotto 390 pb, euro scende su dlr

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in ribasso una seduta volatile, in un mercato quasi festivo a causa del ponte del primo maggio. L‘indice, dopo una buona partenza, dalla tarda mattinata viaggia nel terreno negativo.

la sede della borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

“Giornata abbastanza vuota un po’ indecifrabile come movimento”, dice un trader. “Direi che si riparte mercoledì”.

In mancanza di novità, il mercato tende a vendere, confermando i timori sull‘Italia legati alla crisi del debito.

L‘indice FTSE Mib chiude in ribasso dell‘1,26%, l‘AllShare lo 0,98%, mentre il MidCap sale dello 0,17%. Volumi a circa 1,3 miliardi di euro. L‘indice delle bluechip europee FTSEurofirst 300 chiude in ribasso dello 0,6%, mentre tra le singole piazze europee Londra chiude a -0,4%, Francoforte a -0,5%, Parigi a -1,5% e Madrid a -1,3%. Chiusura in positivo per i Btp che consolidano il rialzo nella seconda parte della giornata, spingendo di nuovo lo spread su Bund sotto i 390 punti base.

In una seduta comunque tranquilla, che cade tra il fine-settimana e la festività del primo maggio, gli operatori citano alcune ricoperture tecniche alla base del rialzo che ha interessato anche il debito spagnolo.

È stato peraltro elevato l‘interesse degli specialist per le riaperture di questo pomeriggio dei titoli di Stato italiani a medio lungo termine in asta venerdì scorso: il Tesoro ha registrato il pieno di richieste, assegnando la quantità massima offerta sia per i due Btp benchmark a cinque e dieci anni, sia per i due Btp off-the-run aprile 2016 e febbraio 2019.

A fine seduta lo spread di rendimento tra Btp e Bund decennali si attesta, su piattaforma Tradeweb, sui minimi di seduta, a 386 punti base, contro i 394 della chiusura di venerdì scorso, dopo aver nuovamente sfiorato in giornata quota 400.

Acquisti sostenuti anche sul tratto trentennale della curva italiana, il cui rendimento ridiscende vicino alla soglia del 6%: secondo alcuni operatori la scadenza extra-lunga beneficia oggi di qualche aggiustamento dei portafogli in vista della chiusura del mese.

L‘euro perde terreno nei confronti del dollaro e si avvia a concludere il mese peggiore dallo scorso dicembre, gravato dai rinnovati timori sulla situazione economica della zona euro.

Alle 18,20 italiane l‘euro si conferma in zona 1,3228 dollari, in calo rispetto all‘ultima chiusura a 1,3238 dollari. Su base mensile, la moneta unica ha perso lo 0,9%, la peggiore peformance da dicembre 2011.

Anche il greggio perde terreno sulla scia dei deboli dati Usa e delle rinnovate preoccupazioni sull‘eurozona, con la Spagna nuovamente in recessione.

Alle 18,20 italiane il Brent perde 80 centesimi a quota 119,03 dollari al barile, mentre il greggio Usa cala di 54 centesimi a quota 104,39.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below