19 aprile 2012 / 07:23 / tra 6 anni

Borsa Milano chiude pesante su minimi seduta, giù banche

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in calo una seduta decisamente incolore, peggiorata nel corso della giornata sulle voci di un prossimo downgrade del rating della Francia da parte di Moody’s che ha penalizzato soprattutto il settore bancario. Un‘autorevole fonte francese ha però smentito questo rumour.

L'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

“Il mercato chiude debole e le voci che riguardano la Francia di certo non aiutano a rasserenare il clima”, osserva un trader.

L‘indice FTSE MIb termina in calo del 2,01% sui minimi di seduta, mentre l‘Allshare cede l‘1,95%. L‘indice europeo FTSEurofirst arretra dello 0,45%. Volumi per un controvalore di oltre 2 miliardi di euro nel finale.

* I timori di un downgrade della Francia hanno penalizzato in particolare le banche, in calo in Europa dell‘1,4%. MPS lascia sul terreno il 3,55%, andamento analogo per INTESA SP e UNICREDIT. Contiene le perdite BANCO POIPOLARE con un ribasso dello 0,8%. Un trader spiega che l‘impostazione tecnica degli ultimi giorni è positiva, nonostante il calo registrato ieri dal titolo. Male MEDIOBANCA che perde oltre il 4%.

* Vendite pesanti anche nel settore dell‘energia con il prezzo del petrolio in lieve calo. Enel, nonostante l‘upgrade di Citigroup, perde l‘1,3 ENI cede il 2,3%.

* La promozione da parte di Societe Generale consente ad Atlantia di contenere le perdite a circa l‘1%.

* Male anche il settore dell‘auto, negativo in tutta Europa. FIAT cede il 4,1%.

* In contro trend solo AUTOGRILL che sale dell‘1,56% sulla scia dei commenti fatti dai vertici in assemblea. L‘AD Gianmario Tondato Da Ruos ha detto che l‘ipotesi di uno scorporo delle attività di Food & Beverage e Travel Retail & Duty Free dipende dalle prospettive future del gruppo, considerando che nello scenario attuale la crescita non può più passare attraverso acquisizioni ma dovrà avvenire con combinazioni industriali all‘interno di una o dell‘altra divisione. Il presidente Gilberto Benetton che se l‘andamento del 2012 sarà, come da programmi, in linea con il 2011 la società continuerà a distribuire un dividendo.

* Nella galassia Ligresti, FONSAI sale del 2,04% nel giorno del Cda che valuterà i concambi in vista della fusione con Unipol (-2,83%). Cede il 6,5% PREMAFIN.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione, ancora in salita BONIFICHE FERRARESI che strappa con un +12,8%. Dall‘annuncio della dismissione della quota di maggioranza da parte di Banca d‘Italia, il titolo è salito di oltre il 70%.

(Giancarlo Navach)

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below