30 marzo 2012 / 09:08 / 6 anni fa

Italia, la morsa dell'inflazione non si allenta a marzo

di Elvira Pollina

Italia, inflazione marzo stabile a +3,3% su anno. REUTERS/Max Rossi

MILANO (Reuters) - In difficoltà per la recessione, i consumatori italiani continuano a fare i conti con un‘inflazione che non accenna ad allentare la sua morsa, sostenuta dagli elevati prezzi del greggio, complici le tensioni tra Iran e Occidente, e dall‘aumento delle accise sulla benzina.

Nel mese di marzo, secondo i numeri pubblicati oggi da Istat, l‘indice nazionale dei prezzi al conusmo (Nic) ha registrato un aumento congiunturale dello 0,5%, superiore alle stime degli economisti interpellati da Reuters in un sondaggio, che indicavano un incremento dello 0,3%, rispetto al +0,4% segnato a febbraio.

Più alto delle stime anche il dato tendenziale, che mostra un incremento del prezzi del 3,3%, il medesimo evidenziato a febbraio, mentre le attese si fermavano al 3,2%.

Il quadro non migliora se si guarda al dato armonizzato ai parametri europei. Nel mese di marzo l‘indice Ipca ha segnato una variazione tendenziale al rialzo del 3,8% dal 3,4% di febbraio, con stime di discesa al 3,2%.

Nei 17 Paesi della zona euro, invece, i prezzi al consumo hanno mostrato un tasso in lieve calo al 2,6% dal 2,7% di febbraio. Si allarga quindi il divario dell‘Italia rispetto alla media europea.

RINCARI MARCATI SU BENI AD ALTA FREQUENZA DI ACQUISTO

A mantenere sostenuta la dinamica inflattiva, spiega l‘economista di Intesa Sanpaolo Paolo Mameli, “la spinta al rialzo dei prezzi del greggio che insieme al ritocco delle accise sulla benzina, si traduce in rincari su beni ad alta frequenza di acquisto da parte delle famiglie”.

Questi ultimi, rileva l‘Istat, hanno registrato un aumento mensile dello 0,6% su base congiunturale e del 4,6% rispetto a un anno fa.

I rincari maggiori si sono evidenziati sugli energetici non regolamentati, che hanno registrato un rialzo congiunturale del 3%, mentre i trasporti hanno segnato un +1,4% rispetto a febbraio.

Quanto sia pesante l‘effetto del caro-petrolio sui prezzi si può comprendere guardando al tasso di crescita tendenziale dell‘inflazione, che al netto dei beni energetici, scivola al 2,2% dal 2,3% di febbraio, su base tendenziale.

“Tutti gli indicatori evidenziano un indebolimento della domanda dei consumatori ma questo per il momento non basta a far rivedere al ribasso i listini, visto che si sono registrati aumenti in tutte le divisioni, salvo servizi sanitari e cultura” osserva Paolo Pizzoli, economista di Ing.

I rincari di energetici e benzina, il cui prezzo è salito del 3,4% da febbraio e del 18,6% dallo scorso anno, “rappresentano costi a monte anche per altri settori, che al momento vengono semplicemente scaricati a valle” sintetizza Pizzoli. “Una tendenza che dovrà inevitabilmente fermarsi a un certo punto, visto che la domanda latita”.

IN 2012 RISCHIO INFLAZIONE MEDIA ANNUA ANCHE OLTRE 3%

Secondo gli economisti, tuttavia, le pressioni al rialzo sui prezzi del greggio proseguiranno nei prossimi mesi, e questo continuerà a rallentare il raffreddamento dell‘inflazione.

D‘altronde, nelle stime degli economisti è dato per scontato il nuovo aumento delle aliquote Iva, che scatterà automaticamente ad ottobre come previsto dalla manovra ‘salva Italia’, a meno che non venga rimodulata la spesa assistenziale e il sistema delle detrazioni.

“Anche a fronte del dato di oggi, prevediamo un‘inflazione media annua del 3%, dunque in crescita rispetto al 2,8% del 2011” dice Pizzoli, secondo cui il minimo sarà toccato in estate, “quando il rialzo dei prezzi al consumo si attenuerà fino al 2,7%”.

Stessa previsione per Paolo Mameli, che sottolinea come ci sia addirittura il rischio di ulteriori spinte verso l‘alto.

(ha collaborato Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below