30 marzo 2012 / 05:53 / tra 6 anni

Fiat, Marchionne: non lascerà Italia,Monti avanti su art.18

MILANO (Reuters) - L‘amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne ribadisce che il gruppo non lascerà l‘Italia e auspica che il governo vada avanti sulla riforma dell‘articolo 18 in un‘intervista al giornale online canadese Tandem.

L'AD di Fiat Sergio Marchionne. REUTERS/Denis Balibouse

“La risposta è no”, dice Marchionne al giornalista che sottolinea come le motivazioni della Corte d‘Appello di Potenza sul licenziamento dei tre operai dello stabilimento di Melfi secondo alcuni potrebbero indurre il manager a spostare Fiat fuori dall‘Italia.

“Abbiamo già risposto a questo”, aggiunge Marchionne, ricordando poi come Fiat si sia già appellata all decisione. “Lasceremo decidere ai giudici” prosegue il manager.

Sulla riforma del mercato del lavoro e la modifica dell‘articolo 18 Marchionne è chiaro: il governo deve andare avanti per la sua strada. “L‘articolo 18 è nelle mani del presidente Monti. Ho parlato con lui prima di partire venerdì sera. E’ impegnato nel progetto e doabbiamo permettergli di andare avanti. Senza fermarsi”.

In Canada per l‘inaugurazione del prima concessionaria solo Fiat in Nord America, Marchionne anticipa alcune novità che arriveranno proprio sul mercato nordamericano, in particolare il ritorno del marchio Alfa Romeo, che riapparirà dall‘altra parte dell‘Oceano nel 2014.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below