March 21, 2012 / 9:38 AM / in 6 years

Iran, Washington esenta 11 Paesi da sanzioni finanziarie

WASHINGTON (Reuters) - Gli Stati Uniti hanno esentato il Giappone e 10 Paesi europei, tra cui l’Italia, dalle sanzioni finanziarie anti Iran, perché hanno tagliato significativamente gli acquisti di petrolio da Teheran, ma hanno lasciato esposte India e Cina, i maggiori importatori di greggio iraniano, a questo tipo di restrizioni.

Le banche di questi paesi non si vedranno tagliati i legami con il sistema finanziario Usa almeno per altri sei mesi e sarà loro risparmiato un embargo che punta a fare pressione sull’Iran circa il suo programma nucleare.

Le sanzioni vogliono colpire gli istituti finanziari che nel mondo accettano le transazioni con l’Iran.

La lista degli esentati non comprende Cina e India e neppure alleati degli Usa del calibro di Corea del Sud e Turchia, che sono tra i primi 10 consumatori di greggio iraniano.

I 10 paesi della Ue, che hanno già deciso di sospendere le importazioni di petrolio dall’Iran da luglio sono Belgio, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Spagna, ha detto il dipartimento di Stato.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below