19 marzo 2012 / 08:38 / 6 anni fa

Borsa Milano in lieve rialzo, aiuta Wall Street

MILANO (Reuters) - La borsa di Milano chiude positiva una giornata di pausa dopo i recenti rialzi, sostenuto nel pomeriggio da Wall Street.

Trader al lavoro. REUTERS/Alex Domanski

“E’ una giornata noiosa, molto lenta, ci sono pochi temi interessanti”, dice un trader. “E’ un mercato meno emotivo. Siamo meno attaccabili... è un po’ come se avvessimo cambiato il nostro Dna”, dopo la discesa dello spread Btp-bund, che si è realizzata nelle ultime settimane.

L‘indice FTSE Mib chiude a +0,3%, l‘AllShare a +034%.

Scambi a 1,6 miliardi di euro.

Mercato europeo contrastato con l‘indice benchmark FTSE Eurofirst 300 in ribasso dello 0,09%.

* MPS in rialzo, mentre resta aperto il tema del collocamento della quota della Fondazione [ID:nL6E8EI0XQ]. “Qualcuno immagina che ‘l‘overhang’ che ha compromesso l‘andamento del titolo sia esaurito e torna ad acquistare, ma c‘è ancora cautela”, dice un trader. Mediobanca definisce la designazione di Alessandro Profumo alla presidenza della banca di alto profilo e ritiene che elevi lo standing del management.

Bancari contrastati. INTESA SP perde lo 0,83% e UNICREDIT guadagna lo 0,19%.

PARMALAT in rialzo del 3% circa, ancora sui risultati migliori delle attese, che hanno visto il balzo del titolo a inizio della scorsa settimana e successive correzioni.

Forte anche FERRAGAMO. Il gruppo ha diffuso dati migliori delle attese diffusi giovedì scorso.

PREMAFIN, in salita di oltre il 10,9%, in rialzo anche UNIPOL e FONSAI nel giorno delle assemblee delle due compagnie prossime alle fusione per attribuire ai Cda la delega all‘aumento di capitale fino a 1,1 miliardi di euro. Venerdì la compagnia bolognese ha svelato le linee guida del progetto di integrazione con il gruppo Premafin. Un analista si è detto scettico sulla raggiungibilità dei target. Un broker italiano considera il piano “più aggressivo rispetto alle attese”.

A2A negativa, sopra i massimi in vista del consiglio di gestione di venerdì prossimo che potrebbe decidere di non distribuire la cedola quest‘anno. Cheuvreux ha tagliato il prezzo obiettivo a 0,65 fa 0,70 euro. Il titolo ha rinnovato il minimo dell‘anno tocatto venerdì nel finale di seduta.

ENI positiva. Oggi Credit Suisse ha alzato la raccomandazione sul titolo a OUTPERFORM da NEUTRAL. Il titolo beneficia anche delle indiscrezioni riportate da un quotidiano inglese, e citate dai trader, secondo cui BP, Royal Dutch Shell e Total sono fra le major europee interessate a rilevare una quota nel campo a gas area 4 del Mozambico controllato dalla società italiana. “A livello grafico il titolo ha rotto la resistenza di 18,5 e questo è un buon segnale”, dice un broker.

Bene PRYSMIAN che sale di oltre l‘1,3%, dopo che Ubs che ha alzato il prezzo obiettivo a 14 da 11 euro.

CREDITO VALTELLINESE in calo del 10% circa e CREDITO ARTIGIANO, in rialzo del 20%, si adeguano ai concambi dopo l‘annuncio della fusione. Il rapporto di cambio è pari a 0,7 nuove azioni ordinarie Credito Valtellinese per ogni azione ordinaria della controllata.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below