27 febbraio 2012 / 12:12 / tra 6 anni

Finmeccanica, nessuna fornitura irregolare AgustaWestland in elicotteri India

ROMA (Reuters) - Finmeccanica smentisce la notizia comparsa oggi sulla stampa e confermata a Reuters da fonti ministeriali indiane secondo cui la sua controllata AgustaWestland sarebbe coinvolta in irregolarità relative alla fornitura di elicotteri in India.

In un comunicato Finmeccanica precisa che “nessuna comunicazione è stata notificata a società e dirigenti del gruppo né in Italia né in India”.

Nonostante la smentita, fonti del ministero della Difesa indiano confermano a Reuters l‘avvio di una inchiesta su presunte irregolarità nell‘ordine di 12 elicotteri AgustaWestland.

“Il ministro della Difesa ha chiesto al segretario della Difesa di avviare una inchiesta su presunte irregolarità nell‘ordine di 12 elicotteri all‘azienda europea AgustaWestland”, ha detto la fonte.

Secondo un‘altra fonte al “segretario della Difesa è stato chiesto di presentare il rapporto al più presto, entro un paio di settimane” aggiungendo che alcuni funzionari avrebbero ricevuto tangenti per cambiare le condizioni dell‘accordo in favore dell‘azienda.

Alcuni articoli stampa sostengono che le autorità indiane, partendo da una indagine napoletana su affari e appalti di Finmeccanica, hanno aperto una indagine su una commessa che Agusta si è aggiudicata nel 2010 per la vendita di 12 elicotteri all‘India.

La commessa avrebbe visto gonfiare i prezzi rispetto alla base iniziale. Avviata una inchiesta per corruzione per verificare un eventuale pagamento di tangenti.

FINMECCANICA E AGUSTA: TUTTO REGOLARE

Finmeccanica sostiene che le sue controllate “hanno adottato organizzazioni e codici etici in linea con le normative e le migliori prassi vigenti, tesi a prevenire e impedire condotte non conformi a una corretta gestione”.

AgustaWestland conferma di aver perfezionato con il ministero della Difesa indiano il contratto di fornitura di 12 elicotteri AW101 per un valore complessivo di 560 milioni di euro e precisa che, a seguito di valutazioni tecniche, “l‘AW101 si è dimostrato l‘unico elicottero in grado di soddisfare appieno i requisiti di missione dell‘Aeronautica militare indiana”.

La società nega di aver violato il proprio codice etico e nega che il prezzo sia stato gonfiato nel tempo sostenendo anzi che “il valore dell‘offerta iniziale è stato ridotto nel corso della negoziazione”.

“Inoltre, l‘importo contrattuale definitivo non ha subito alcun adeguamento di prezzo per tener conto del significativo lasso di tempo (quasi due anni) tra l‘iniziale prevista data di stipula del contratto e quella effettiva”, dice la nota.

AgustaWestland, infine, esclude categoricamente qualunque comportamento non conforme al proprio Codice etico.

Il titolo Finmeccanica, su queste notizie, è arrivato in mattinata a perdere oltre il 7% e alle 14,21 il 5,35%.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below